BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, anzianità. donne, precoci, usuranti uomini: la situazione aggiornata

Donne in pensione prima con opzione contributivo, usuranti, precoci ed esodati ancora in attesa: cosa cambia e prospettiva per le pensioni




Prepensionamenti per i primi 20mila dipendenti pubblici al via e via libera, anche e ancora, all’opzione contributivo, che offre alle donne la possibilità di andare in pensione a 57, 58 anni con un assegno calcolato con sistema contributivo e non più retributivo, accettando quindi una pensione minore. Ma tutto tace sulla richiesta dell’Ue all’Italia di adeguare i trattamenti contributivi pensionistici tra uomini e donne che al momento discriminano gli uomini perché chiedono un anno in più. L’Italia già da tempo è stata richiamata dall’Ue ma sulla questione nulla si muove e quando tempo fa era trapelata la possibilità di adeguamento dell’età contributiva pensionabile fra uomini e donne subito ne è stata fatta retromarcia.

E se al momento tutto potrebbe bloccarsi perché nel lungo percorso di cambiamento delle pensioni, auspicato da tanto e da tanti, è sorto un ostacolo, vale a dire gli ultimi numeri che parlano di un Pil di nuovo negativo nel nostro Paese, di uno spread tornato, seppur di poco, a salire, e di Borse in crollo. E l’economia in positivo, si sa, è volano per cambiamenti importanti come quelli che dovrebbero toccare il nostro sistema previdenziale. Molti guardano al prossimo appuntamento del 13 giugno, il giorno della riforma della P.A, occasione durante la quale il ministro Madia tornerà certamente a rilanciare sul suo piano prepensionamenti, importante tanto per garantire a molti la pensione anticipata quando per dare il via a quel meccanismo di staffetta generazionale che permetterà a diversi giovani di entrare nel mondo del lavoro.
 
Ma i cambiamenti verso cui si và potrebbero essere anche negativi: a causa proprio della situazione economica che si è delineata per l’Italia, invece di pensione anticipata e flessibile., prestito pensionistico, prepensionamenti e scivolo per esodati, potrebbero arrivare contributo di solidarietà sulle pensioni d’oro, ricalcolo delle pensioni con sistema contributivo per tutti; e blocco delle rivalutazioni delle pensioni, tutte ipotesi già annunciate e di cui si è già parlato. Ma oggi le ipotesi più probabili da mettere in atto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il