Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: i primi ad avere modifiche. Lo assicura Poletti

Precoci usuranti ed esodati saranno le prime categorie di lavoratori toccate da eventuali modifiche: le dichiarazioni del ministro Poletti

Pensioni precoci e usuranti Governo Renz


Dopo il tavolo di inizio mese dedicato agli esodati, il ministro del Lavoro Poletti ha affermato: “Proseguire il confronto per trovare, in tempi rapidi, una soluzione strutturale al problema. La posizione è stata condivisa dagli altri partecipanti” ed effettivamente è rivolgendosi in particolare a loro e altre categorie specifiche di lavoratori, come precoci e usuranti, che si sta orientando il lavoro di Poletti. Si punta, infatti, a risolvere le emergenze primarie, per poi ampliare la possibilità di pensione anticipata anche ad altri e in tutti i settori, pubblico e privato.

Sono mesi che, comunque, il governo lavora alla definizione di un nuovo piano previdenziale e dopo diverse proposte, dal prestito pensionistico, allo scivolo per gli esodati, ai prepensionamenti, ora si parla  di una nuova forma di pensione anticipata per gli over 60, rimasti senza. E Poletti stesso spiega: “L'intenzione del governo è quella di istituire, al più presto, il prepensionamento per tutti coloro che hanno più di 60 anni e a cui mancano ancora massimo un anno e mezzo per arrivare all’effettiva pensione”.

L’ipotesi è al vaglio soprattutto per gli esodati, che sono rimasti o rischiano di rimanere senza pensione e senza lavoro, quindi reddito, da estendere poi a precoci, usuranti e Quota 96, che nel frattempo si sono rivolti alla Corte Ue per vedersi riconosciuta una pensione che auspicano ormai da troppo tempo.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il