BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014, Tasi, Unico 2014: proroga per la seconda parziale. Per le altre due in arrivo

Arrivata ufficialmente proroga Tasi a settembre ma non per tutti. Potrebbe toccare anche ai modelli 730 e Unico 2014. Ipotesi




E’ stata ufficialmente approvata la proroga per il pagamento della prima rata di acconto della nuova Tasi sulla casa: il versamento della tassa sui servizi indivisibili comunali slitta infatti dal 16 giugno al 16 settembre. Ma questa proroga non vale per tutti: dopo la decisione arrivata ieri in serata, il Ministero dell’Economia specifica che la proroga a settembre vale solo per i Comuni che entro il 23 maggio non avranno deliberato le loro aliquote ufficiali di pagamento che per essere definite tali dovranno essere riportate sul sito del Mef.

In tutti i Comuni che invece avranno proceduto in tal senso, come Bologna, La Spezia, Livorno, Imola, Aosta, Modena, Reggio Emilia, la rata di acconto della Tasi bisognerà comunque pagarla entro il 16 giugno. Non solo Tasi: nuove proroghe potrebbero infatti arrivare anche per modelli 730 e Unico 2014, considerando le richieste pervenute dai Centri di assistenza fiscale e dai professionistici di slittamento vista la concomitanza di diverse scadenze.

Se tali proroghe venissero approvate, quella di Unico 2014 slitterebbe al prossimo luglio o al prossimo settembre, mentre la presentazione del modello 730 potrebbe essere prorogata a luglio. L'ipotesi di una proroga delle scadenze si fa più forte per due motivi: il primo riguarda il software Gerico, per gli studi di settore, come sempre messo a punto sempre troppo tardi dall'Agenzia delle Entrate e senza il quale non si può procede alle dichiarazioni dei soggetti sottoposti a studi di settore. Altro motivo riguarda il patrimonio immobiliare: mentre, infatti, l'anno scorso si considerava Imu, quest'anno è la Tasi ed è caos in merito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il