BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014: proroga e nuove istruzioni, compilazione, chiarimenti Agenzia Entrate

Possibile proroga seconda presentazione modello 730 2014: nuova scadenza forse a metà luglio ma nuovi chiarimenti Entrate su detrazioni mediche e di istruzione




A causa delle diverse scadenze fiscali cui sono chiamati cittadini e professionisti, qualche giorno fa era stata paventata una proroga per la seconda scadenza di presentazione del modello 730: la data attuale è fissata al 31 maggio, ma potrebbe slittare al prossimo mese di luglio, probabilmente metà del mese. E questo dipende anche dalla lentezza dei Comuni nel decidere le aliquote di pagamento della Tasi di quest’anno, che avrebbero già dovuto essere state deliberate ma che si stanno facendo attendere, provocando non poca confusione, considerando che il primo pagamento è in programma il 16 giugno.

Nell'attesa di eventuali comunicazioni, l'Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti sulle detrazioni che quest'anno sono cambiate, soprattutto per quanto riguarda quelle per spese mediche. La detrazione d’imposta in questo caso è del 19% per le spese sostenute per farmaci omeopatici, per cui bisogna conservare sempre lo scontrino fiscale; per spese per la visita medica per il rinnovo patente di guida; per i certificati di idoneità; per  sedute dallo psicologo, perché come spiegato ‘sono equiparabili alle prestazioni rese da un medico, e quindi le spese sostenute per queste prestazioni sono detraibili, anche in assenza di prescrizione medica’; per musicoterapie per persona disabile.

Non godranno di alcuna detrazione invece le spese sostenute per l’acquisto di parafarmaci, per la palestra, o per sedute dall’osteopata, che non rientrano, a differenza del fisioterapista, nelle figure professionali riportate nel dm 29 marzo 2001 (Ministero della salute) per cui si può usufruire delle detrazioni.

Per quanto riguarda invece la detrazione del 19% per spese di istruzione e universitarie, l’Agenzia delle Entrate precisa che si possono detrarre spese per frequenza di università private; per le spese sostenute per i test universitari; per iscrizioni a master post universitari; ma non è prevista alcuna detrazione fiscale per spese sostenute per la scuola materna.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il