BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Renzi: modifiche negative e tagli sono già stati fatti

Usuranti e precoci dovranno probabilmente attendere ancora un bel po’ perché si approvino modifiche per pensione anticipata: la situazione




Lavoratori precoci e usuranti ed esodati attendono, con ansia, che qualche modifica intervenga a cambiare l’attuale sistema previdenziale, che molti ritengono di dover completamente abrogare, come Movimento 5 Stelle e Lega Nord, a causa della rigidità dei requisiti previsti e delle ingiustizie previste, ed effettivamente fino a qualche settimana fa le proposte di prepensionamento e prestito pensionistico facevano sperare in soluzioni ottimali per chi desiderasse lasciare prima della soglia fissata dei 66 anni. Ma ultimamente le cose sono cambiate.

L’andamento economico dell’Italia non è ancora buono, anzi, lo spread è tornato a salire e gli interventi probabili di cui si parla mirano soprattutto al negativo, dal blocco della rivalutazione delle pensioni quest’anno, al contributo di solidarietà sulle pensioni decisamente più alte, in particolare su quelle che dovrebbero superare i 3mila euro, al ricalcolo delle pensioni Inps, per tutti, con sistema contributivo, il che significherebbe per molti un assegno pensionistico di entità decisamente minore.

In realtà si tratta di interventi negativi che sono già in vigore, cui sono già soggetti diversi pensionati, innanzitutto perché il calcolo della pensione con sistema contributivo è stato esteso a tutti con l’avvento della legge Fornero, e poi perché il blocco della rivalutazione delle pensioni adeguate alle medie Istat è già in vigore anch’esso da quando è in vigore la legge Fornero e, tra 2013 e 2103, ha portato a risparmi per un totale di quasi 8 miliardi di euro. Considerando la cifra finora ‘messa da parte’ probabilmente gli esodati, per la drammaticità della situazione in cui ormai versano, potranno riceve risposte concrete e soluzioni, ma per usuranti e precoci sarà difficile oggi cambi qualcosa, a meno che il prossimo 13 giugno non si approvi de finitamente il piano prepensionamenti della Madia che, comunque, non riguarderà tutti gli usuranti e preoci.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il