BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: il prossimo appuntamento è a Giugno tra Orlando e Ue. Cosa può succedere

Ministro Orlando ieri a Strasburgo: incontro positivo e prossimo appuntamento i primi di giugno. Situazione e prospettive




Sembra si sia concluso in maniera decisamente positivo l'incontro che il ministro della Giustizia Orlando aveva ieri, giovedì 22 maggio, con i vertici Ue a Strasburgo per discutere di carceri e problema di sovraffollamento. I vertici dell'istituzione hanno ben accolto infatti i dati e le iniziative che il ministro della giustizia ha presentato. Il vice segretario generale del Consiglio d'Europa, Gabriella Battaini Dragoni, ha commentato: “L'incontro ci permette di costatare con grande soddisfazione l'impegno decisivo del ministro Orlando nel trovare delle soluzioni adeguate per risolvere il problema del sovraffollamento. Spero che con questa giornata sia chiaro a tutti nell'istituzione l'impegno definitivo dell'Italia per andare oltre il problema e poterlo risolvere in modo duraturo”.

Il nuovo piano presentato da Orlando per ridurre il sovraffollamento prevede una nuova legge sulle pene alternative al carcere, nuove norme per il rimpatrio dei detenuti stranieri, e la riforma dell’istituto della custodia cautelare. Un nuovo incontro è ora in programmai primi di giugno, quando il Consiglio d’Europa dovrà decidere se applicare o meno la sanzione prevista all’Italia, in base alle condizioni che chiaramente riscontrerà. Secondo il vice segretario Dragoni, “Il comitato dei ministri potrebbe togliere la forte riserva che grava sull'Italia, continuando tuttavia a monitorare i risultati ottenuti contro il problema del sovraffollamento delle carceri”.

Intanto si attende, probabilmente dopo le elezioni europee, la presentazione del testo unificato di Legge sui quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia, che in realtà era già in programma la scorsa settimana ma che, come prevedibile, è stato rimandato. Con la presentazione di tale testo si potrà procedere a delineare in maniera più chiara e concreta le linee guida che intende effettivamente seguire il governo per uscire dall’impasse carceri, che sta creando non poche difficoltà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il