BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto potrebbe saltare, non esserci dopo incontro Ministro Orlando-Ue Strasburgo

Come risolverà l’Italia il problema del sovraffollamento carcerario per evitare la sanzione dell’Ue? Novità dopo incontro Orlando a Strasburgo




Scade fra qualche giorno, precisamente il 28 maggio, il termine ultimo dato dall'Ue all'Italia per risolvere l'emergenza carceraria in Italia e ieri, giovedì 22, il ministro Orlando si è presentato dinanzi alla Corte si Strasburgo per fare il quadro della situazione attuale che regna in Italia. Gli ultimi dati sono decisamente positivi e Strasburgo sembra aver accolto bene le misure presentate che, al momento, non prevedono indulto e amnistia.

Orlando a Strasburgo ha illustrato “le innovazioni normative e amministrative che consentiranno al paese di uscire dalla situazione di emergenza”. Il segretario generale del Consiglio d'Europa, Gabriella Battaini Dragoni, ha espresso “soddisfazione per quanto sinora fatto e per l'impegno dimostrato dal governo. Ora spetterà al comitato dei ministri vagliare attentamente le misure adottate e quelle che saranno prese in futuro nel corso della prossima riunione nei primi giorni di giugno. Il comitato dei ministri potrebbe togliere la forte riserva espressa nei confronti dell'Italia. Ma si manterrà da parte di Strasburgo uno stretto controllo sulla loro effettiva messa in campo e sulle conseguenze pratiche in termini di riduzione della popolazione carceraria”.

Intanto sono 6.829 i ricorsi contro il sovraffollamento delle carceri che la Corte europea dei diritti umani ha ricevuto dall’Italia, ricorsi che denunciano ancora situazioni drammatiche, le stesse per cui l’Italia è stata condannata dalla Corte con la sentenza Torreggiani, che ha previsto una sanzione di 100mila euro che il Belpaese dovrà pagare se entro fine mese non presenterà misure risolutive adeguate.


Ma il presidente della Repubblica Napolitano continua a ribadire la necessità di adottare tali misure che, anche se non risolutive, potranno certamente rendere la situazione migliore rispetto alle condizioni attuali. Resta invece contrario a tali misure il Movimento 5 Stelle.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il