BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui Maggio-Giugno 2014: nuove offerte tasso variabile,fisso e surroga per cambiare mutuo esistente

Come cambia il mercato dei mutui: le nuove offerte di questi di maggio e giugno 2014 e possibilità di surroga




Gli ultimi dati, già da qualche settimana, mostrano un rinnovato andamento dei mutui, in lenta ripresa, trend che si spera possa continuare, segno che qualcosa probabilmente nel mercato finanziario si sta muovendo. Per sostenere questa ripresa, sono diverse le nuove offerte che le banche lanciano sul mercato, buone e convenite. Il portale MutuiOnline.it tra le migliori offerte di questi mesi di maggio e giugno 2014 ne ha selezione alcune, le principali quelle di BNL, CheBanca!, e Deutsche Bank.

BNL offre Mutuo Variabile che permette di finanziare fino all'80% del valore dell'immobile per finalità acquisto; massimo 30% del valore dell’immobile e con importo finanziabile non superiore a euro 100.000 per finalità ristrutturazione (che nota bene deve essere sempre accompagnata da preventivo spese). Le condizioni proposte dalla Banca sono valide fino al 30 giugno 2014.

CheBanca! offre invece Mutuo Rata Protetta, mutuo a tasso variabile che protegge però il cliente da possibili aumenti dell’importo della rata. In pratica se il tasso d’interesse aumenta, la rata cresce al massimo di una percentuale pari all’indice Istat del costo della vita. Per questa proposta, però, la banca ha stabilito un tetto massimo alla durata del mutuo, superato il quale sarà a sua spese l’eventuale somma residua ancora da restituire. C’è poi l’offerta di Deutsche Bank che propone Mutuo pratico a tasso misto rivedibile ogni 2 anni di Deutsche Bank rivoluziona il mercato dei tassi, con spread a partire dal 2,40%. Le condizioni economiche sono valide fino al 31 maggio.

Altra interessante offerta quella a tasso fisso di Cariparma (Gruppo Crédit Agricole), che propone un tasso fisso al 2,25% per due anni e la prima rata la paga la Banca, il cliente continua poi a pagare con un tasso pari all’Euris di periodo più uno spread fissato al 2,25 ed è possibile sospendere il pagamento della quota capitale della rata in caso di matrimonio, nascita o adozione di un figlio, o di variazione di condizioni reddittuali. Infine, anche Poste Italiane ha pensato ad un prodotto: si chiama Posteprotezione Mutuo e offre tutela da eventi che potrebbero rendere difficile il rimborso.

Considerando le nuove proposte di oggi sul mercato, pensate in riferimento particolare alla condizione economica generalizzata del nostro Paese, sono in tanti coloro che decidono di ricorrere alla surroga. Surrogare un mutuo significa cercare e trovare un prodotto, offerto da una banca diversa dalla propria, miglior e più conveniente nelle caratteristiche e nei tassi in base alle proprie esigenze, e cambiare. La surroga, infatti, permette, previa comunicazioni tra la vecchia e la nuova banca, di trasferire la somma residua da rimborsare, a un’altra banca, con nuovi condizioni contrattuali, per esempio passando da un tasso fisso a variabile e importo rate.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il