BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







730 2014:novità questa settimana

Possibile proroga presentazione del modello 730 2014? Potrebbe slittare a luglio ma si attende decreto con decisione ufficiale




Nel decreto del governo che dovrebbe definire ufficialmente la proroga di pagamento dell’acconto Tasi di quest’anno per tutti quei Comuni che entro il 23 maggio non sono riusciti a deliberare le proprie aliquote di pagamento, dovrebbe essere contenuta anche la decisione di un’eventuale proroga di scadenza della presentazione dei modelli Unico e 730 2014. I motivi della richiesta di tale proroga sono, come ormai di consueto, il ritardo del rilascio del software Gerico per gli studi di settore, nonché il caos che, secondo le previsioni, si creerà per Caf e professionisti che tra qualche giorno saranno alle prese tanto con i calcoli Tasi e Imu che con le dichiarazioni dei redditi.

Per evitare di rendere un’assistenza fiscale scarsa, è stata dunque chiesta una proroga per la presentazione del 730 che potrebbe slittare al prossimo luglio. E nell’attesa di capire quale sarà la decisione ufficiale in tal senso, l’Agenzia delle Entrate ha deciso di fornire gli ultimi chiarimenti per la richiesta di detrazioni nella dichiarazione di quest’anno.

E’ bene innanzitutto chiarire che sono state aumentate dal 19 al 24% le detrazioni per spese sostenute per donazioni a Onlus e per partiti e movimenti politici; prorogate anche per quest’anno le detrazioni bonus mobili e detrazioni per ristrutturazioni e risparmio energetico, che spettano per spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. La percentuale di detrazione Irpef per il 2014 è del 65% per le spese sostenute fino al 31 dicembre, che scende al 150% per il 2015; detrazioni al 19% per le spese veterinarie.
 
Ampio il capitolo detrazioni di spese mediche e sanitarie: le Entrate chiariscono che in questo caso spetta un’agevolazione del 19% per le spese sostenute per farmaci, farmaci omeopatici, per cui bisogna conservare sempre lo scontrino fiscali; per i certificati di idoneità; per visita medica per il rinnovo patente di guida; per sedute dallo psicologo, o dal fisioterapista.  Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono comunque definiti tutti i tipi di spese sanitarie che si possono portare in detrazione, così come tutte le spese relative al capitolo istruzione.

Cambiano poi le detrazioni su premi assicurativi ed erogazioni liberali: le Entrate chiariscono che la detrazione sulle assicurazioni è stata ridotta e l’importo massimo che da riportare in dichiarazione è 630 euro, scesa rispetto ai 1.291,14. Sono deducibili anche i contributi versati ai fondi pensione integrativi, per l’importo di 3.615,20 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il