BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Mutui,prestiti personali, conti deposito, azioni, obbligazioni: analisi dopo elezioni europee 2014

Pd primo partito in Italia ma in Europa dominano gli euroscettici: chi vince e possibili ripercussioni sui mercati finanziari




Il Pd vola in Italia, si attesta come primo partito conquistando il 40,84%, con percentuale favolosi e sorprendenti ed oggi cresce l’attesa per vedere come reagiranno i mercati alla ‘supremazia’ di Renzi. Ora cresce l’attesa per capire cosa accadrà sui mercati e quali conseguenza potrebbero esserci alla luce dei risultati registrati. Secondo Filippo Diodovich, market strategist di Ig, “In Italia la vittoria del Pd è stata molto superiore alle attese e questo dà stabilità”.

Per mutui e prestiti l'importante è che lo spread fra  Btp italiani e Bund tedeschi non torni ad alzarsi fortemente, cosa che secondo le previsioni non dovrebbe accadere, e se tale situazione fosse confermata, anche i rendimenti dei conti deposito dovrebbero rimanere bassi come quelli di Btp e Bot, volatilità per azioni e obbligazioni. Molto dipende anche dai risultati positivi portati a casa dagli euroscettici.  E, mentre in Francia è terremoto con la vittoria della destra del Front National di Marine Le Pen, primo partito con il 25,40%, in Germania i conservatori del Ppe perdono 62 seggi ma restano il primo partito con 212 deputati, e rivendicano con il loro candidato, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, la guida della commissione. I socialisti perdono 10 seggi, passano da 196 a 186.

E se in Italia il Pd, primo partito, è ancora dalla parte dell’Europa, il Regno Unito si attesta altro paese euroscettico, con l'Ukip (dichiaratamente anti-Ue) di Nigel Farage al primo posto con 24 deputati (ben 11 in più rispetto al 2009), seguiti dai laburisti di Ed Miliband con 20 seggi (+7), e dai conservatori del premier David Cameron con 19 deputati (7 in meno). Quasi scomparsi i liberal-democratici di Nick Clegg.

Anche in Olanda prevale l'anti-Ue Pvv di Geert Wilders, mentre in Austria vince il centro destra dell'Ovp con il 27,3%, seguito dai social-democratici al 23,8%, e terzi i nazionalisti e anti-Ue dell'Fpo con il 19,5%. L'Fpo spera di riuscire a formare un gruppo anti-Ue comune con il Front National di Le Pen, e in Danimarca ha stravinto il partito anti-immigrati Danish People Party con il 26,2%, all'opposizione. Il partito di maggioranza, i social democratici sono secondi al 19,1%.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il