BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne Governo Renzi: segnali positivi nuovi per cambiamenti reali e concreti

Non sono crescita e occupazione ma anche cambiamenti sulla previdenza: come potrebbero cambiare le pensioni del governo Renzi dopo europee




Politiche per crescita e occupazione ma anche interventi concreti e reali sulle pensioni: questi gli obiettivi cui punta Matteo Renzi dopo i clamorosi risultati delle elezioni europee grazie alle quali il Pd si è attestato in Italia come primo partito, per soddisfare gli italiani che hanno espresso con il loro voto la fiducia nei cambiamenti annunciati dal premier e per ricambiarla. Argomento bollente la cui soluzione farebbe ancor di più impennare il consenso nei confronti dell’attuale governo è certamente quello delle pensioni, o meglio, delle eventuali modifiche che potrebbero essere apportate all’attuale sistema previdenziale.

Troppo rigidi i requisiti richiesti per arrivare all’agognata pensione, troppi i problemi creati, dalla questione esodati ai Quota 96, troppe le polemiche scatenate negli ultimi due anni. Ed ora tocca a Renzi e la sua squadra mettere fine a questa situazione di malcontento. Le proposte paventate di possibili forme di uscita flessibile, nonché di prepensionamento per statali ma anche per privati, sembrano oggi farsi largo al posto di quelle modifiche negative di cui si era parlato prima però di conoscere il risultato delle europee.

E in questo contesto, inoltre, il ministro Madia, insieme al suo piano prepensionamenti, ha anche proposto una proroga per l’opzione contributivo per le donne, per permettere cioè alle lavoratrici donne di lasciare il lavoro ancora a 57 o 58 anni, a seconda se statali o autonome, calcolando però il proprio assegno finale interamente con il sistema contributivo invece che con il retributivo. Questo porterebbe le donne che scelgono tale sistema ad avere sì la possibilità di andare prima in pensione, ma con un assegno inferiore a quello che avrebbero avuto calcolandolo con sistema retributivo.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il