BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi calcolo aliquote e detrazioni tutti immobili e tutti i Comuni. Chi deve pagare prima rata

Come e quando si paga la prima rata Tasi: chi paga il 16 giugno e chi paga dopo l’estate. Modalità di calcolo e di pagamento




Scade il prossimo 16 giugno il pagamento della prima rata Tasi, la nuova imposta sui servizi indivisibili comunali che tutti i Comuni di Italia dovranno pagare anche se in modalità diverse. La Tasi si calcola sulla base imponibile della rendita catastale e deve essere pagata non solo dai proprietari ma anche dagli affittuari, in una quota variabile tra il 10% e il 30%, che sarà stabilita da ogni singolo Comune.

La base imponibile deve essere rivalutata del 5%, poi si moltiplica per il coefficiente del proprio immobile e al valore ottenuto si applica l’aliquota per ogni Comune e vi si sottraggono eventuali detrazioni. Queste ultime non sono infatti obbligatorie per cui non è detto che vengano applicate. La Tasi si può calcolare anche online attraverso calcolatori e software online automatici che in pochi passi danno il risultato del versamento da effettuare.

Una volta conosciuta l’entità della cifra da pagare, bisognerà effettuare il versamento con modello F24 o bollettino postale. Chi sceglie il modello F24 dovrà compilarlo riportando i diversi codici tributo definiti per ogni immobile: 3958 per l'abitazione principale e relative pertinenze, 3961 per gli altri fabbricati, 3959 per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 3960 per le aree edificabili.

La scadenza del 16 giugno, come detto a inizio pezzo, però non vale per tutti i Comuni: pagano il mese prossimo solo le città come Modena, Trento, Bergamo, Brescia, Reggio Emilia, Sassari, Bologna, Napoli, Torino, Ravenna, Ferrara, Rimini, Bologna, La Spezia, Treviso, Lucca, Asti, Alessandria, Cremona, Imola, Savona, Pordenone, che hanno deciso venerdì scorso le aliquote comunali da applicare sia su prime abitazioni che su altri immobili. Pagamento della prima rata rimandato invece al prossimo 16 settembre o prossimo 16 ottobre nei Comuni che non hanno ancora deciso, tra cui anche Roma e Milano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il