Detrazioni arredamento, mobili e ristrutturazione casa 50-65% 2014: Agenzie Entrata, chiarimenti

Nuovi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate su come usufruire dei bonus mobili 2014: quanto vale e chi può usufruirne

Detrazioni arredamento, mobili e ristrut


L’Agenzia delle Entrate con una nuova circolare ha fornito ulteriori chiarimenti e risposte ai Centri di assistenza fiscale sulla compilazione della dichiarazione dei redditi per il 2014, in particolar modo riguardo alle detrazioni previste per arredamenti. Secondo quanto precisato, le spese sostenute per l’acquisto di arredamenti di immobili in ristrutturazione possono raggiungere un tetto massimo di spesa fissato dai 10mila euro.

Rientrano, quindi, nelle agevolazioni lavori ristrutturazioni o miglioramenti dell’efficienza energetica, acquisti di mobili ed elettrodomestici che non superino il costo di 10mila euro. Il bonus riguarda l’acquisto di elettrodomestici come frigoriferi, forni, lavastoviglie, lavatrici, asciugatrici, apparecchi per il condizionamento o per il riscaldamento che appartengano ad una classe energetica non inferiore alla A e provvisti di etichetta.

Le Entrate chiariscono, inoltre, che le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio sono detraibili anche se sostenute tramite una società finanziaria che materialmente effettua il pagamento, a patto che questo sia eseguito con bonifico, in cui siano riportati tutti i dati richiesti in modo da consentire l’applicazione della ritenuta del 4%.

Per quanto riguarda le detrazioni previste per i mobili, il bonus sarà rateizzato in dieci quote annuali, per acquisti sostenuti nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2014. È possibile. Per usufruire dello sconto, basta dimostrare che la data di inizio dei lavori sia anteriore alla spesa dell’acquisto degli elettrodomestici, semplicemente presentando le ricevute dei pagamenti effettuati. Chiunque avesse effettuato acquisti in contanti non potrà beneficiare dell’agevolazione.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il