BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: chi, quando, come beneficeranno di alcune modifiche

Possibili nuovi interventi governo Renzi sulle pensioni: esodati, Quota 96 e precoci e usuranti forse i primi destinatati delle modifiche




Dipendenti pubblici, precoci, usuranti, esodati: potrebbero essere queste categorie quelle a beneficiare maggiormente delle probabili modifiche alle pensioni. Il percorso di cambiamento potrebbe prendere il via il 13 giugno quando si discuterà della riforma della pubblica amministrazione e si tornerà a parlare di piano prepensionamenti per dipendenti statali, da allargare poi anche ai privati. I prepensionamenti, se approvati, seguirebbero i primi, per i 20mila già partiti degli statali in esubero, e secondo quanto spiegato dal ministro Madia, “Il meccanismo allo studio, se ce ne sarà la necessità, prevede brevi anticipazioni rispetto ai requisiti della legge Fornero, da sei mesi al massimo di un anno”.

Il piano prevede l’uscita anticipata dal lavoro dei dipendenti più anziani per favorire l’ingresso dei più giovani. “Da qui al 2018 possiamo liberare 10 mila posti. La nostra P.A. non ha troppe persone, ma chi ci lavora ha un’età troppo elevata”. Ma non solo: la Madia ha anche annunciato la proroga dell’opzione contributivo per permettere alle donne di andare in pensione a 57, 58 anni, invece che a 66, calcolando l’assegno con il sistema contributivo e non retributivo.

Altri interventi sulle pensioni sono stati annunciati per la seconda fase di definizione del jobs act, in programma per fine anno, e che dovrebbe contenere, come annunciato dal ministro Poletti, interventi per flessibilità in uscita nonché soluzioni definitive per gli esodati. Ma ciò che tiene ancora banco e che merita un’urgente soluzione è la questione dei Quota 96 per cui si attende un nuovo decreto. Constatata infatti la disponibilità delle risorse necessarie (circa 400 milioni di euro), i 4mila pensionandi della scuola attendono ora con ansia di sapere cosa ne sarà del loro futuro e se finalmente potranno andare in pensione entro il 31 agosto 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il