BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: calcolo e pagamento prima rata prima casa, seconda casa, terreni, capannoni negozi

Come e quando pagare l’acconto di Tasi e Imu: modalità di calcolo e versamento sui diversi immobili




Mentre la nuova Tasi si paga su tutti gli immobili, ad eccezione della Chiesa, anche quest’anno esenti dall’Imu sono prime abitazioni e terreni agricoli. Entrembe le tasse si calcolano a partire dalla rendita catastale e con eventuali aliquote e detrazioni definite dai propri Comuni di residenza. Il calcolo Tasi e Imu può essere agevolato dal seguente calcolatore online su Internet che permette ai cittadini in pochi passaggi di sapere quanto dovranno pagare, entro il 16 giugno. Gli acconti di Tasi e Imu, infatti, coincidono, ma non per tutti.

Pagano l’acconto Tasi su prima casa, seconda casa, terreni, capannoni, negozi i cittadini dei Comuni che entro il 23 maggio hanno deliberato le nuove aliquote di pagamento, come Torino, Genova, Bologna, Bergamo, Trento, Ravenna, Reggio Emilia, Modena, Forlì, Livorno, Napoli, Lucca, Modena, Trento, Brescia, Imola, Sassari, Cagliari, Pescara, mentre il pagamento della prima rata sarà rimandato al 16 ottobre per i Comuni dove non sono state decise le aliquote. Fra i Comuni ritardatari Milano, Roma, Firenze.

Una volta calcolata la tassa si procederà al versamento tramite bollettino postale, in cui dovranno essere riportati i propri dati anagrafici e i dati relativi all’immobile su cui bisognerà la pagare la tassa, come tipologia e Comune di residenza, o tramite modello F24, dove, invece, si dovranno riportare i diversi codici tributo previsti per entrambe le tasse e che per l’Imu sono 3918 immobili diversi dalla prima casa, 3914 per terreni, 3913 per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 3916 per le aree fabbricabili; e per la Tasi sono 3958 per l'abitazione principale e relative pertinenze, 3961 per gli altri fabbricati, 3959 per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 3960 per le aree edificabili.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il