BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti deposito, Prestiti personali, Mutui, Btp Giugno 2014: tassi interesse, tasse nuove e non solo

Nuovo abbassamento dei tassi e iniezione di liquidità alle banche: le prossime mosse che la Bce potrebbe annunciare il 5 giugno e conseguenze




Qualche giorno fa il presidente della Bce Mario Draghi è tornato a parlare della condizione di forte difficoltà economica che l'Europa sta vivendo, sottolineando i rischi legati all’inflazione. Secondo Draghi, in particolare, “il rialzo del tasso di cambio dell’euro sta contribuendo alla bassa inflazione, condizionando i prezzi all’importazione dei flussi commerciali su base internazionale” e ha spiegato che “diversi Paesi della zona euro stanno procedendo a forme di svalutazione interna, al fine di recuperare competitività”. In virtù di questo quadro generale, Draghi ha annunciato che la Bce potrebbe varare un piano straordinario per sostenere la fragile ripresa, con una serie di provvedimenti che saranno presentati il 5 giugno.
 
Tra le misure previste, un nuovo abbassamento dei tassi, che potrebbero diventare negativi, e un’ulteriore iniezione di liquidità alle banche per sostenere l’economia reale. E proprio per questa nuova iniezione di liquidità, che sarà concessa a condizione che gli istituti diano più credito a imprese e famiglie, le banche proporranno nuove offerte per i conti deposito, ma se non sale inflazione e non salgono, dunque, i tassi con la nuova eventuale manovra della Bce, i conti deposito comunque saranno sempre meno appetibili considerando poi che dal prossimo mese di luglio sale anche l’aliquota di tassazione dal 20 al 26%.

Con la nuova mossa di Draghi dovrebbero poi arrivare risultati positivi per mutui e prestiti personali, per cui dovrebbero diminuire i tassi, ciò significa che si potranno chiedere in maniera più serena e dovrebbero arrivare nuove offerte convenienti per chi decide di accendere un mutuo o ha bisogno di liquidità. Nulla, invece, dovrebbe cambiare particolarmente sul mercato azionario, mentre anche i Btp dovrebbero registrare un nuovo aumento dei tassi, anche se questo rialzo sarà molto lento. Meglio, comunque, orientarsi verso Btp legati all’inflazione, come i Btp Italia che anche per l’ultima emissione hanno registrato un boom di richieste.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il