BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Mutui, prestiti personali, azioni, obbligazioni: intervento Bce-Draghi oggi 5 Giugno 2014

Giovedì 5 giugno nuova riunione Bce con nuovo probabile taglio dei tassi: quali potrebbero essere le conseguenze sui mercati e previsioni analisti




Oggi, giovedì 5 giugno 2014, è in programma una nuova riunione della Bce che potrebbe decidere nuove misure per far ripartire il credito di mutui e prestiti per famiglie e per aziende. Il presidente della Bce Mario Draghi ha parlato adella possibilità di tagli dei tassi d'interesse, per controllare rialzi ingiustificati dei tassi di mercato o acquisti di titoli se le aspettative d'inflazione dovessero peggiorare. Secondo il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, “È inevitabile che, dopo aver messo l'accento sul consolidamento dei bilanci nazionali, l'Europa lavori con gli Stati membri per una nuova fase che dovrà concentrarsi sulle riforme, investendo della modernizzazione dei Paesi i parlamenti nazionali. Non possiamo accettare questi bassi tassi di crescita in Europa. Sarebbe intelligente partire dal cuneo fiscale e dalla tassazione sul lavoro, in modo da liberare i consumi e ottenere più crescita e occupazione”.

Secondo Morgan Stanley, Draghi deciderà di acquistare dollari, mentre, da un sondaggio condotto da un'altra grande banca, Nomura, il 95% degli analisti intervistati scommette su un taglio del tasso di interesse (dallo 0,25 allo 0,10 per cento) e sulla scelta di far pagare (probabilmente uno 0,10 per cento) le banche che vogliono tenere le riserve in eccesso in deposito a Francoforte.

Un probabile abbassamento dei tassi e l’inflazione al 2%, potrebbero chiaramente portare ad una diminuzione dei tassi su prestiti e mutui, portando dunque a chiedere di nuovo prestiti, sia da parte da famiglie che hanno bisogno di liquidità per le spese di tutti i giorni visto il periodo di crisi, sia da parte di imprese e aziende. Bot e Btp tornerebbero a rendere di più grazie a tassi più alti, così come le obbligazioni aziendali, anche se si tratterà di rialzi non immediati ma per cui bisognerà attendere almeno un po’. Nessuna conseguenza dovrebbe invece verificarsi sui mercati azionari.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il