BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: mese decisivo o quasi è Giugno. I motivi

Al via un importante mese di giugno 2014 per interventi e cambiamenti sulle pensioni: posizioni ministri e richieste Damiano




Al via un importante mese di giugno 2014, tempo in cui si stenderanno le basi per effettivi interventi sulle pensioni, considerando tutte le posizioni dei diversi ministri e le proposte finora giunte, dall’uscita flessibile, al prestito pensionistico, ai prepensionamenti, pesando anche le ultime dichiarazioni del ministro dell’Economia Padoan che non si è detto affatto favorevole all’abbassamento di età e requisiti per andare in pensione. Anzi. Nonostante il successo del referendum della Lega per l’abolizione totale della legge Fornero, il ministro Padoan ritiene si debba continuare a mantenere i criteri oggi stabiliti ben studiati in base alle aspettative di vita.

Ma lavoratori e pensionandi non ci stanno: troppo rigidi i requisiti attuali e troppi problemi per determinate categorie di lavoratori, come precoci e usuranti, che avrebbero invece bisogno di lasciare prima il lavoro. Ed ecco allora che si attende il 13 giugno, giorno in cui approda in Consiglio dei Ministri la riforma della Pubblica Amministrazione, quando sarà rilanciato il piano prepensionamenti. Prima riguardante i dipendenti statali, per poi essere esteso ai privati, il piano prevede la possibilità di pensionamento anticipato per i dipendenti di qualche tempo prima, la Madia ha parlato di sei mesi, un anno, lasciando al contempo il posto ad un giovano in cerca di lavoro.

Insieme alla Madia, il ministro Poletti ha annunciato la convocazione di un nuovo tavolo, in programma probabilmente la prossima settimana, che si occuperà di nuovo di esodati nonché di uscita flessibile e anticipata, con l’obiettivo di definire le reali nuove possibilità di pensionamento con la seconda fase di definizione del jobs act,entro fine anno. E a ribadire l’urgenza di intervenire su pensioni e per risolvere la questione esodati, ancora una volta Cesare Damiano, che ha detto: “Vorremmo che l’attenzione posta dal primo Ministro anche a questa categoria di cittadini facesse assumere come una delle priorità dell’esecutivo la questione previdenziale.

Per questo chiediamo al ministro del Lavoro Giuliano Poletti di riconvocare a breve il tavolo di confronto sul tema delle pensioni che ha visto,  nel corso della prima riunione del 7 maggio scorso,  la presenza dei dicasteri del Lavoro e dell’Economia, dell’ INPS e delle  Commissioni Lavoro di Camera e Senato”. Approda, intanto, alla Camera lunedì 23 giugno la proposta di legge sugli esodati, a firma proprio di Cesare Damiano. E probabilmente entro fine mese si potrebbe assistere a qualche nuova decisione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il