BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: calcolo online prima casa, seconda casa prima rata tutti immobili e pagamento F24

Tasse sulla casa Imu e Tasi calcolate semplicemente online senza file a Caf e professionisti abilitati: come fare e come pagare




Prorogato il pagamento dell’acconto Tasi al 16 ottobre, ma non tutti, mentre resta fissato al 16 giugno il pagamento della prima rata Imu. Una precisazione: pagano il 16 giugno anche l’acconto Tasi i cittadini dei Comuni che entro lo scorso 23 maggio hanno stabilito le nuove aliquote. Proprietari dunque di seconde case, ville, uffici, negozi, imprese dovranno pagare acconto Imu e Tasi, in Comuni come Torino, Napoli, Genova, Bologna, Bergamo, Cagliari, Reggio Emilia e tutti quelli che consultando il seguente sito http://www.riscotel.it/wikiiuc/doku.php?id=wiki:mef:riscotelmef riportano nuove aliquote e detrazioni.

E, considerando che la Tasi, a differenza dell'Imu, si paga su tutti gli immobili, nei Comuni sopra elencati il 16 giugno si paga la prima rata Tasi anche sulle abitazioni principali. Pagano proprietari e inquilini, che dovranno versare una percentuale compresa tra il 10 e il 30% del totale della tassa, secondo quanto deciso dal proprio Comune di residenza.

Tasi e Imu si calcolano rivalutando del 5% la rendita catastale dell’immobile e moltiplicando poi il risultato per il coefficiente del proprio immobile, per esempio 160, coefficiente delle abitazioni. Al risultato si applica l’aliquota fissata dal proprio Comune di residenza su prime case o altri immobili, e, nel caso di prime abitazioni, le detrazioni se previste. Ricordiamo che le aliquote possono essere alzate dal 2,5 al 3,3 per mille su prime abitazioni, e dal 10,6 all'11,4 per mille su tutti gli altri immobili.

Il calcolo si può facilmente eseguire anche online grazie al seguente calcolatore, simulatore per la Tasi e Imu 2014 in grado di dire subito al contribuente quanto dovrà pagare nonché di procedere alla compilazione automatica del modello F24 che, una volta stampato, dovrà solo essere presentato per procedere al pagamento della tassa.

Tasi e Imu si possono pagare con bollettino postale o modello F24: per il modello F24 si compila la sezione ‘Imu e altri tributi’, bisogna indicare l'anno di imposta, il codice catastale del comune dov’è sito l'immobile e la sigla ‘acc’ che sta per acconto. Per compilare correttamente il modello F14 bisogna inserire anche il codice tributo della tipologia dell'immobile per cui si paga. Sono 3958 per l'abitazione principale, 3959 per fabbricati rurali, 3960 per aree fabbricabili e per concludere 3961 per fabbricati per altro uso.

Chi sceglie di pagare con il bollettino postale lo può trovare in qualsiasi ufficio di Poste Italiane, già compilato con numero di conto corrente 1017381649 e dicitura Pagamento Tasi. Basta poi solo riportare dati anagrafici e quelli dell’immobile negli appositi spazi e quindi pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il