BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu calcolo 2014: quanto si paga prima casa, seconda casa. Quando prima rata, chi la paga

Il pagamento del primo versamento Imu e Tasi dipende dalle aliquote fissate dai Comuni: chi la decise, quando si paga e chi paga ad ottobre




Si paga il 16 giugno l’acconto su Imu e  nuova Tasi, tributo che servirà a finanziare i servizi indivisibili offerti dai comuni ai cittadini e che riguardano manutenzione di strade e parchi, illuminazione pubblica, servizi per la sicurezza. Mentre l’Imu viene pagata solo dai proprietari, la Tasi sarà dovuta sia da proprietari che da affittuari dell’immobili e l’ammontare della tassa dipenderà dalle aliquote e dalle detrazioni che ogni Comune avrà deciso. Della cifra totale della Tasi, gli inquilini però non pagheranno metà dell’imposta ma una quota compresa tra il 10 e il 30% ed anche questa percentuale sarà stabilita dai singoli Comuni.
 
Nel caso degli immobili in leasing, la Tasi sarà completamente dovuta dal locatario. Se la Legge di Stabilità fissava un tetto massimo per la Tasi al 2,5 per mille per la prima casa e al 10,6 per la seconda e altri immobili, il governo ha poi deciso di concedere ai comuni la possibilità di aumentare le aliquote fino a un massimo dello 0,8 per mille, per cui l'aliquota sulle abitazioni principali potrà salire fino al 3,3 per mille, mentre quella sugli altri immobili fino all'11,4 per mille. I Comuni che non hanno deciso le nuove aliquote pagheranno il 16 ottobre e dovranno deliberare aliquote e detrazioni di quest’anno entro il 19 settembre.

Per calcolare la nuova tassa sui servizi indivisibili, che ha la stessa base imponibile dell’Imu, si dovrà partire dalla rendita catastale, rivalutarla del 5% e moltiplicare il risultato per il coefficiente del tipo di immobile (160 per le abitazioni). Poi, su questo valore catastale si dovrà applicare l'aliquota comunale, con le eventuali detrazioni. Il calcolo di entrambe le imposte si può eseguire anche utilizzando questo simulatore e calcolatore online  che direttamente online permette di conoscere in poco tempo la cifra da pagare

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il