BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: calcolo e pagamento prima casa, seconda casa, negozi, terreni, capannoni, uffici

Si avvina il primo pagamento Imu e Tasi: chiarimenti e istruzioni per procedere ad un giusto calcolo e pagamento delle tasse




Si avvicina la scadenza del primo pagamento Tasi e Imu e ci si affretta al calcolo della cifra da dover versare entro il 16 giugno. Questa data vale sia per l’acconto Imu che per l’acconto Tasi. In quest’ultimo caso, non si paga solo nei Comuni che non hanno deciso le nuove aliquote, che dovranno farlo ora entro il 19 settembre e dove si paga il 16 ottobre. Per il resto, tutti chiamati al pagamento la prossima settimana.

Per sapere quanto si dovrà pagare su seconde case, negozi, uffici, capannoni, terreni e prime abitazioni nel caso della Tasi, sia per Imu che per la nuova tassa sui servizi indivisibili, si parte dalla rendita catastale, riportata sull’atto di proprietà dell’immobile o sul servizio di visure catastali dell’Agenzia delle Entrate, che deve essere rivalutata del 5% per poi moltiplicare il risultato per il coefficiente del proprio immobile. Ottenuto il valore catastale, dovranno esservi applicate le aliquote, diverse sui vari immobili e che possono oscillare dal 2,5 al 3,3 per mille sulle abitazioni principali e dal 10,6 per mille all’11,4 per seconde case e tutti gli altri immobili.

Sarà il Comune a deciderle, esattamente come detrazioni ed eventuale quota di pagamento, compresa tra il 10 e il 30%, che spetta agli inquilini. L’acconto Tasi si può facilmente calcolare anche con il seguente simulatore e una volta ottenuta la cifra da versare, si paga poi con modello F24, per cui sono state rese note le istruzioni di compilazione precise dall’Agenzia delle Entrate, e con bollettino postale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il