BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: calcolo online F24 prima casa, seconda casa e compilazione modello per pagamento

Effettuare calcolo acconto Imu e Tasi su abitazione principale e non solo e pagare con modello F24. Come si compila correttamente




Tutti pronti a pagare l’Imu su tutti gli immobili tranne prime case e terreni agricoli e la Tasi su tutti gli immobili comprese le prime abitazioni. Se, poi, la prima casa è di lusso si pagano Imu e Tasi insieme; su tutti gli altri immobili diversi dall'abitazione principale, quindi case affittate o sfitte, uffici, negozi, garage, capannoni, aree edificabili, si paga sia l'Imu con le regole dell'anno scorso che non cambiano, sia la Tasi. Con le nuove regole e le aliquote stabilite per quest’anno e nei Comuni che le hanno decise.

L’aliquote di pagamento sarà diversa a seconda del proprio Comune di residenza, e cambierà tra immobili, sarà cioè diversa tra prime case, seconde e immobili commerciali. Nel primo caso può oscillare tra il 2,5 per mille e il 3,3 per mille, nel secondo tra il 10,6 per mille e il massimo dell11,4 per mille, tutto dipenderà da quello che il Comune deciderà. Stesso discorso per detrazioni e, nel caso della Tasi, della percentuale di pagamento che dovrà essere versata dagli inquilini.

Semplice il calcolo delle tasse sulla casa se si seguono le rapide istruzioni per i passagggi da effettuare con il questo calcolatore e simulatore online. Una volta fatto non solo si otterrà il risultato della cifra da pagare, ma anche il modello F24 automaticamente compilato.

Per compilare correttamente il modello F24, l’Agenzia delle Entrate ha istituito dei codici tributo da inserire necessariamente e che 3958 per abitazione principale e relative pertinenze, 3959 per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale, 3960 per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili, 3961 per i servizi indivisibili per altri fabbricati, e fornito anche le indicazioni per compilare in maniera corretta il modello F24, partendo dalla compilazione della Sezione Imu e altri Tributi Locali in corrispondenza delle somme indicate nella colonna Importi a debito versati.

Ogni contribuente dovrà poi compilare lo spazio Codice ente/codice comune, il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili; nello spazio Numero immobili, il numero degli immobili (massimo 3 cifre); nello spazio Anno di riferimento, l’anno d’imposta cui si riferisce il pagamento; e barrare lo spazio Acc considerando che il pagamento si riferisce all’acconto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il