BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari, Iuc: calcolo online prima casa,seconda casa e compilazione F24 pagamento prima rata

Calcolo e pagamento Imu, Tasi e Tari: come si paga e per chi valgono i bollettini precompilati. Cosa fare per primo versamento




Si chiama Iuc (Imposta unica comunale) il nuovo sistema di tassazione sulla casa che comprende le ormai ben conosciute Imu e Tasi, ed anche la Tari che da quest’anno debutta al posto della Tares. Sono le tasse che, a partire dal prossimo 16 giugno, andranno versate sulla casa da chiunque detenga, goda di un uso di immobile e vi produca rifiuti. A differenza dell’Imu, la nuova Tasi sui servizi indivisibili comunali tocca anche le prime case e viene pagata da proprietari e inquilini. Per consultare le aliquote, che possono essere aumentate dello 0,8 per mille fino a un massimo del 3,3 per mille per le abitazioni principali e dell’11,4 per mille sugli altri immobili, e le eventuali detrazioni definite dai propri Comuni di residenza basta consultare il sito del Mef http://www.riscotel.it/wikiiuc/doku.php?id=wiki:mef:riscotelmef.

Per procedere al calcolo degli acconti Imu e Tasi si può invece usufruire di simulatori e servizi online che aiutano i contribuenti a sapere quanto dovranno pagare ed effettuare poi il versamento o con bollettino postale o con modello f24. Per Imu e Tasi non saranno infatti inviati ai cittadini i bollettini precompilati, cosa che invece accadrà per la Tari.

La nuova tassa sui rifiuti sarà calcolata su tutti gli immobili suscettibili di produrre rifiuti urbani, locali e aree scoperto, sarà calcolata sui metri quadrati e i componenti del nucleo familiare e, per definirne la cifra esatta, vengono prese in considerazione una quota fissa, che riguarda i costi fissi del servizio, e una variabile, che dipende dall’uso che il cittadino fà del servizio. Anche in questo caso le scadenze di pagamento vengono decise dai Comuni, in molti casi già in programma per questo mese di giugno. Ma per sapere la data di scadenza di pagamento precisa basta consultare i siti istituzionali delle amministrazioni locali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il