BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu 2014: guida, regole, istruzioni.

I comuni che pagano Tasi e Imu il 16 giugno, chi paga ad ottobre, aliquote decise e istruzioni di calcolo da seguire per un giusto pagamento




Il 16 giugno i cittadini dei Comuni che hanno deciso le nuove aliquote, come Trento, Bologna, Ravenna, Napoli, Torino, Bologna, Genova, Lucca, Cagliari, Sassari, La Spezia, Aosta, Alessandria, Venezia, Brescia, Forlì, Piacenza, Reggio Emilia, Vicenza, e tutti gli altri riportati nel seguente elenco http://www.riscotel.it/wikiiuc/doku.php?id=wiki:mef:riscotelmef, devono pagare l’acconto Tasi e, se proprietari di seconde case, ville, negozi, uffici, aziende, capannoni, terreni, anche l’acconto Imu.

I comuni che non sono riportati nell’elenco sopra riportato pagano invece il prossimo 16 ottobre, come stabilito dal decreto-ponte approvato la scorsa settimana dal Consiglio dei Ministri. L’aliquota di pagamento è fondamentale per il calcolo delle tasse che si effettua rivalutando del 5% la rendita catastale, moltiplicata per il coefficiente del proprio immobile, e al risultato vengono applicate le aliquote. Il risultato che si otterà sarà la cifra di versamento della tassa.

Il calcolo può essere però effettuato anche da Caf, professionisti abilitati o Confedilizia, o attraverso questo calcolatore automatico (che permette anche di avere lo f24 pronto per la stampa precompilato). Le aliquote di pagamento vengono stabilite dai singoli Comuni, che hanno facoltà di aumentare l’aliquota sulla prima casa dal 2,5 al 3,3 per mille e sulle seconde case e altri immobili dal 10,6 per mille all’11,4.

Insieme ad aliquote e detrazioni (non obbligatorie) eventuali su prime abitazioni i Comuni devono decidere anche la quota di pagamento che spetta agli inquilini e che deve essere compresa tra il 10 e il 30%. Regola che vale solo per la nuova Tasi, mentre l’Imu deve essere versata solo dai proprietari, sia in caso di immobili affittati che sfitti. Per pagare Imu e Tasi si potrà scegliere se usare modello F24 o bollettino postale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il