BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: calcolo online F24 automatico, compilazione,codici tributo prima casa,seconda casa

Tutto ciò che c’è da sapere su modalità di pagamento Imu e Tasi e passi per compilazione modello F24. I codici tributo Imu e Tasi




Sapere quanto dover pagare di Imu e nuova Tasi senza fare lunghe code di attesa presso studi di commercialisti e Caf: tutto questo è possibile grazie al calcolatore online, che può essere utilizzato per effettuare il calcolo delle tasse sulla casa su ogni tipo di immobile, prima, seconda casa, immobili commerciali e terreni, nonché per compilare in automatico il modello F24 pronto poi al pagamento.

Ricordiamo che la prima rata di pagamento si paga domani, lunedì 16 giugno, sia per l’Imu che per la Tasi, con una precisazione: per l’Imu non è stabilita o prevista alcuna proroga o alcuna particolarità, per la Tasi invece cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Domani 16 giugno pagano i residenti dei Comuni (circa due mila) che hanno deciso le nuove aliquote, di questi però alcuni hanno posticipato al 30 giugno, o metà luglio, il pagamento a causa della confusione creatasi questi giorni.

Tra questi Comuni Brescia, Bologna, Savona. Si attendono, inoltre, comunicazioni dall’Agenzia delle Entrate sulle ulteriori richieste di proroga pagamento giunte anche da altri Comuni, e per mettere un po’ di chiarezza su tempi reali. Pagano invece il 16 ottobre i residenti dei Comuni che entro lo scorso 23 maggio non hanno proprio deciso le nuove aliquote, come Milano e Roma. Ad approvare ufficialmente la proroga il decreto Irpef passato la scorsa settimana.

Per compilare il modello F24 si riportano codice ente/codice comune in cui bisogna indicare il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili, che si trova sul sito dell’Agenzia delle Entrate, Numero immobili, dove indicare il numero degli immobili (massimo 3 cifre), tipologia di pagamento barrando la casella ‘Acc’ (acconto) per il pagamento del 16 giugno, ‘Anno di riferimento’ in cui riportare l’anno di imposta cui ci si riferisce.

Senza dimenticare di riportare per ogni immobile per cui si pagar il relativo codice tributo che deve essere inserito nella sezione intitolata Sezione Imu e altri Tributi locali in corrispondenza delle somme indicate nella colonna ‘importi a debito versati’  che per l’Imu sono sono 3912 su abitazione principale e relative pertinenze, 3913 per fabbricati rurali ad uso strumentale- COMUNE, 3914 per i terreni- COMUNE, 3915 per i terreni- STATO, 3916 per le aree fabbricabili- COMUNE, 3917 per le aree fabbricabili- STATO, 3918 per gli altri fabbricati– COMUNE, 3919 per gli altri fabbricati- STATO, e per la Tasi sono 3958 per abitazione principale e relative pertinenze, 3959 per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale, 3960 per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili, 3961 per i servizi indivisibili per altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il