BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: prospettive nuove, situazione dopo Riforma PA aggiornata

Cosa cambia per lavoratori precoci e usuranti dopo riforma P.A. e cosa può accadere ai quota 96? Le nuove misure previste




Si aprono nuove prospettive per il mondo pensionistico dopo l’approvazione di venerdì scorso della riforma della Pubblica Amministrazione. Il ministro Madia ha spiegato: “L'organicità della riforma della Pubblica amministrazione è evidente" perché l'intero impianto inverte una tendenza e favorisce l'ingresso di nuove generazioni”, precisando “La politica dovrà assumersi le sue responsabilità fissando gli obiettivi che vuole raggiungere: fino ad ora non lo ha mai fatto, ma le cose dovranno cambiare”.

Le fa eco il premier Renzi che, con soddisfazione, annuncia “Il decreto sulla competitività e la semplificazione ha l'obiettivo di creare 15mila posti di lavoro nella pubblica amministrazione, con norme su ricambio generazionale e la modifica dell'istituto del trattenimento in servizio”. Il decreto approvato dimezza, inoltre, i permessi sindacali nella pubblica amministrazione, definisce un taglio del 10% delle bollette energetiche pagate dalle aziende, e prevede la pensione anticipata per i dipendenti che nel 2014 hanno raggiunto i 42 anni e 6 mesi di servizio per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne, anche senza aver raggiunto l'età pensionabile di vecchiaia, compresi professori universitari,  dirigenti medici responsabili di struttura complessa e il personale delle Autorità indipendenti.

Questo sembra essere un primo passo di apertura verso forme di flessibilità pensionistica, e a beneficiarne potrebbero essere innanzitutto precoci e usuranti, categorie di lavoratori da sempre considerate più ‘a rischio’, visto che per le attività e le mansioni svolte avrebbero dovuto essere decisamente più tutelati di altri dopo l’avvento della legge Fornero. Ma così non è stato, basti pensare ai Quota 96, considerati lavoratori usuranti,, e si spera qualcosa inizia a cambiare ora.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il