BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: Decreto Welfare Luglio con nuove leggi privati e statali

Nuove modifiche alle pensioni probabilmente nel prossimo decreto Welfare annunciato dal premier Renzi per luglio: quali le nuove ipotesi allo studio




Dopo la riforma della P.A. che ha annunciato interventi sulle pensioni, modificando soprattutto le età pensionabili dei dipendenti che possono uscire prima anche senza aver raggiunto l’età per la pensione di vecchiaia, si attendono nuovi interventi in quello che sarà il decreto Welfare annunciato dal premier Renzi per il prossimo mese di luglio. Il decreto dovrebbe prevedere nuovi interventi per dare la possibilità, sia ai dipendenti pubblici che privati, di lasciare il lavoro prima.

L’ipotesi allo studio è quella di consentire l’uscita a coloro che hanno raggiunto i 57 anni di età e 35 di contributi purchè accettino di calcolare la loro pensione finale con metodo interamente contributivo e non retributivo, che garantirebbe un assegno finale più alto. Ricordiamo che oggi per andare in pensione bisogna raggiungere i 66 anni e 3 mesi di età. Ma non tutti i lavoratori sono in grado di raggiungere tale requisito fissato dalla legge Fornero.

Vi sono infatti categorie, come i precoci e gli usuranti, che a causa delle mansioni o delle attività svolte non riescono a maturare tali criteri. E potrebbero essere innanzitutto loro i primi a beneficiare di eventuali modifiche pensate all’insegna della flessibilità.

Del resto, appare sempre più necessario rendere più flessibile un sistema pensionistico, quello italiano, che sembra uno dei più rigidi d’Europa. E la possibilità di uscita a 57 anni e 35 di contributi toccherebbe tutti, statali e privati, uomini e donne, evitando così di creare ingiustizie e disparità. E sarà su base volontaria. Potrebbe rientrare poi nel decreto Welfare anche l’ipotesi di scelta del part time, sempre volontario, per coloro cui mancano 5 anni alla pensione, con il pagamento regolare dei contributi previsti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il