BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: proroga ufficiale Decreto Irpef. No sanzioni e multe.Misure e novità approvate

Proroga primo pagamento Tasi ad ottobre nei Comuni che non hanno deciso le nuove aliquote entro lo scorso maggio e altre misure decreto Irpef




Ieri il governo ha ottenuto la fiducia della Camera sul decreto legge per la competitività e la giustizia sociale. Due le misure principali del provvedimento: il bonus di 80 euro al mese nelle buste paga dei redditi più bassi e la riduzione dell'Irap per le imprese. Oggi attesi voti sul complesso del testo, già approvato dal Senato.

Tra i provvedimenti contenuti nel decreto, oltre agli 80 euro in busta paga, la proroga ufficiale del primo pagamento Tasi ad ottobre per i Comuni nei quali non sono state decise le nuove aliquote e dove lunedì scorso, 16 giugno, i cittadini non hanno pagato.

Nessuna sanzione per i ritardatari della Tasi, mentre nessuna proroga, sottolineiamo, per l’Imu, che, se pagata in ritardo da ieri 17 giugno, in posi, prevederà un calcolo di sanzioni ed interessi da aggiungere alla cifra della tassa da versare.

Il decreto dovrebbe prevedere anche il rincaro passaporto, in base al quale per ottenere il rilascio del passaporto (oltre al costo del libretto) bisognerà pagare 73,50 euro, mentre decadono le concessioni governative di 40,29 euro che dovevano essere pagate sia al momento del rilascio sia annualmente per utilizzare il passaporto fuori dai paesi Ue, ed è fissato poi a 300 euro il costo del riconoscimento della cittadinanza italiana. Via libera ad una nuova rateizzazione delle cartelle Equitalia per chi aveva perso il beneficio, e all'innalzamento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20 al 26%, a partire dal prossimo luglio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il