BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: nuovi appuntamenti importanti almeno in teoria

Dal 23-26 giugno si torna a discutere di esodati, Quota 96, pensioni flessibili: necessarie soluzioni per statli e privati. Ma quando?




Nonostante le misure di pensionamento anticipato e cancellazione del trattamento al servizio, sembra essersi ancora bloccato tutto per le pensioni. Tante modifiche auspicate, infatti, sono state accantonate e le speranze tornano a riporsi nei prossimi appuntamenti che dovrebbero definire ancora interventi, concreti, sul sistema pensionistico. Il 23 giugno inizia l’esame del testo di legge sugli esodati, che presenterà anche misure per gli insegnanti di Quota 96, questione che coinvolge 4000 persone.

Sulla questione, Renata Polverini ha assicura: “La commissione Lavoro ha predisposto un testo che riassume diverse proposte avanzate per tentare di risolvere i danni della Riforma Fornero sui lavoratori esodati e sui cosiddetti Quota 96. Le parole non bastano più, ma servono azioni efficaci e praticabili. Superare la riforma Fornero non è solo possibile, ma assolutamente necessario soprattutto in un momento particolare come quello che stiamo vivendo in cui la disoccupazione ha raggiunto livelli altissimi”.

Soluzioni e interventi per i Quota 96 accompagneranno quelli per gli esodati e la necessità di pensare a forme di flessibilità per il sistema previdenziale senza creare disparità e ingiustizie, pensando dunque sia a statali che a privati, un bell’impegno, decisamente, per Renzi, e i ministri Madia e Poletti. E considerando le discussioni, sarà difficile che tutto possa risolversi entro il 23-26 giugno, motivo per il quale si pensa che tutto possa essere rimandato al decreto Welfare, o arrivare nella prossima Legge di stabilità (settembre-ottobre).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il