BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: nuove date e appuntamenti in arrivo.Importanti, in teoria

Nuovi appuntamenti pensioni cui guardare per nuovi interventi concreti, almeno sulla carta. Quando sono in programma e cosa si prevede




Prima il decreto Lavoro, poi la Riforma della P.A., in programma per il prossimo mese riforma di Fisco e Giustizia, ma anche nuovi appuntamenti che potrebbero, quanto meno sulla carta, portare nuovi interventi al sistema previdenziale italiano, che ormai da tempo, si dice, debba essere modificato, soprattutto per risolvere questioni cruciali, come quelle di esodati e Quota 96, ma anche per rendere la situazione più omogenea e possibile per quelle categorie di lavoratori, come precoci e usuranti, per cui è difficile maturare i requisiti pensionistici oggi richiesti per lasciare il mondo del lavoro.

La situazione sembrerebbe piuttosto semplice: basterebbe, infatti, pensare a forme di flessibilità, sostenibili economicamente, pensate a beneficio prima di coloro che necessitano di interventi e da estendere poi gradualmente a tutti. Ma in realtà si tratta di una semplicità apparente, considerando che sono mesi che si discute di ipotesi, delle più svariate, da prestito pensionistico (prima di Giovannini poi di Poletti), a pensione anticipata per tutti, a esonero di servizio, a prepensionamenti statali, e soluzione ad hoc per gli over 50, a pensionamento anticipato contributivo, ma che sono altrettanti mesi che in realtà nulla di tutto ciò è stato realmente messo in atto.

Senza considerare che bisogna fare anche i conti con la situazione economica di Italia, i tagli e le entrate necessarie di cui si ha bisogno, per molti motivo per cui la legge Fornero, che dovrebbe assicurare 80miliardi di euro di benefici, non viene in realtà toccata. Ma si pensa che, dopo le prime misure della riforma della P.A., qualcosa ancora cambiare, forse dal 23-26 giugno, con l’arrivo del testo unico sugli esodati in Aula, insieme ai Quota 96; forse con decreto Welfare, forse con la prossima Legge di Stabilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il