BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: legge in discussione in Parlamento il dal 30 Giugno. Come potrebbe essere

Ancora rimandata dal 23 al 30 giugno la discussione della proposta di legge unica sugli esodati: la situazione e gli auspici di Cesare Damiano




“Un’azione concreta e puntuale per favorire la soluzione dei temi più sensibili che riguardano il lavoro e il welfare. Il primo punto dal quale vogliamo partire è quello delle pensioni”: queste le parole di Cesare Damiano che ribadisce al governo, ancora una volta, l’urgenza e la necessità di intervenire su determinati tempi, nonostante i problemi di coperture finanziarie lamentati. Del resto, lo stesso Damiano ha presentato quella proposta di legge unica sugli esodati la cui discussione in Aula è slittata dal 23 al 30 giugno, ed è stata questa ulteriore proroga a non piacere e far storcere il naso a molti.

Damiano dice “Se non si troverà una strada per compiere un ulteriore passo avanti, c’è il rischio che esploda una vera e propria questione previdenziale e che venga meno la parola data dal governo e dal premier Renzi di voler risolvere il problema. La situazione di questi lavoratori rimasti senza alcun reddito è socialmente inaccettabile. Quello che è più grave è che le cinque salvaguardie, per un totale di 162.000 lavoratori, hanno a disposizione 11 miliardi di euro che corrono il rischio di non essere totalmente utilizzati. Trattandosi di un Fondo esclusivamente destinato agli esodati, chiediamo che le cifre non spese nella seconda salvaguardia vengano utilizzate per allargare la platea dei lavoratori che possono andare in pensione con le regole ante-Fornero. Infatti, dei 55.000 lavoratori previsti, meno di 20.000 beneficeranno della tutela”.

Il testo unico per gli esodati, concordato da tutti i partiti, prevede la possibilità per tutti coloro che si ritrovano in tale condizione, o rischiano di diventare esodati, la possibilità di andare in pensione con le vecchie regole, nonché contempla le salvaguardie necessarie per chi deve ancora ricevere la pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il