BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: pagamento in ritardo o errori. Ravvedimento, proroga, multe. Ma non per tutti

Le sanzioni previste dal ravvedimento operoso per il pagamento in ritardo dell’Imu. Nessuna sanzione invece per pagamento Tasi in ritardo




Le sanzioni,solite, per i pagamenti in ritardo delle tasse sulla casa quest’anno non valgono per tutti. Il debutto della nuova Tasi sui servizi indivisibili comunali ha infatti portato un po’ di scompiglio per i contribuenti e considerando le evidenti difficoltà emerse è stato stabilito, come del resto previsto dallo Statuto del Contribuente in tali situazioni, che a coloro che pagheranno in ritardo la prima rata Tasi, il cui termine di versamento dell’acconto era fissato lo scorso 16 giugno, non saranno applicate sanzioni o interessi.

Questo vale per i residenti dei comuni che hanno deciso le nuove aliquote entro lo scorso 23 aggio. Per i sei mila Comuni che non hanno invece rispettato tale scadenza, il pagamento è stato proprio prorogato al prossimo 16 ottobre e le nuove aliquote in questi casi dovranno essere deliberate e comunicate al Mef entro il 19 settembre. Se, dunque, possono dormire sonni tranquilli i contribuenti che pagano la Tasi in ritardo, lo stesso non si può dire di chi paga l’Imu in ritardo e che, come ogni anno, dovrà provvedervi tramite ravvedimento operoso, e quindi calcolando sanzioni ed interessi corrispondenti.

In particolare, il ravvedimento operoso è di tre tipi, sprint, breve e lungo: chi paga l’Imu entro il 14esimo giorno di ritardo (ravvedimento sprint), fino al 30 giugno, dovrà calcolare una sanzione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo insieme agli interessi calcolati al tasso annuo dell’1% e su mille euro, per esempio, si pagheranno 20 euro. Se il pagamento viene effettuato dal primo al 16 luglio, la sanzione è dello 0,3%, più gli interessi; se invece si paga oltre il mese di ritardo si calcolerà una sanzione del 3,75%. Chi paga in ritardo l’Imu con nel modello F24, dovrà compilare la casella ‘Ravv’ (ravvedimento).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il