BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: pochi cambiamenti reali in nuova legge 30 giugno

Lunedì 30 giugno in Aula inizio esame proposta unica di legge sugli esodati, ma quali reali cambiamenti si prospettano?




Le speranze si concentrano tutte al prossimo lunedì 30 giugno: arriva in Aula la proposta di legge unica sugli esodati, il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, che l’ha presentata, esorta ancora una volta il governo a lavorare in maniera decisa e definitiva per chiudere una volta per tutte questa questione, cercando anche di superare il problema delle coperture finanziarie, ma probabilmente, ancora una volta, si parlerà, si discuterà, si analizzeranno proposte, ma tutto alla fine resterà sempre vago.

Sono giorni, infatti, che Damiano incalza sulla risoluzione di questioni che ormai sono diventati di grande urgenza sociale, che il ministro del Lavoro Poletti esprime il suo impegno per definire quegli interventi necessari nel mondo previdenziale per modificare la legge Fornero, tornando anche a proporre il suo prestito pensionistico Apa come soluzione ideale, al momento, per tutti; ma anche giorni in cui il premier Renzi, spesso chiamato in ballo, non si pronuncia sulle questioni, cosa che no  fa, chiaramente, ben sperare.

Renzi ha più volte ribadito che pur necessitando di cambiamenti, la legge Fornero non va comunque stravolta, tanto che Damiano ha spiegato: “Da Matteo Renzi ci divide il giudizio sulla riforma dell'ex ministro Fornero, ma ci unisce la comune volontà di risolvere il problema dei cosiddetti esodati, come il Premier ha affermato in varie occasioni. A nostro avviso quella riforma si conferma come una scelta sbagliata e socialmente iniqua e, con il passare del tempo, si indebolisce ulteriormente l'argomento dello stato di necessità di fronte alla straordinaria crisi che il Paese stava attraversando in quel momento. Si potevano trovare soluzioni diverse, meno traumatiche e soprattutto più graduali, che avrebbero consentito lo stesso risparmio di risorse e ci avrebbero evitato una logorante rincorsa alla ricerca di una soluzione strutturale, finora mancante, sul tema degli esodati”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il