BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: quanti anni diminuzione pene e quanti euro per risarcimento con Decreto Renzi

Sconto pena e risarcimenti economici: per chi valgono, come funzionano e polemiche su nuovo decreto contro sovraffollamento carceri




Sta suscitando non poche polemiche il decreto legge con ‘Disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in favore dei detenuti e degli internati’, approvato venerdì scorso in CdM e che prevede misure di riduzione della pena e risarcimenti economici a tutti quei detenuti che sono stati costretti a viere in cella in condizioni disumane e di degrado, violando i diritti civili e umani. Le misure approvate di riduzione della pena e risarcimento economico valgono, dunque per quei detenuti che hanno subito un trattamento in violazione dell’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

Rita Bernardini, leader dei Radicali, che si è detta “contro il governo Renzi per aver scelto di specificare un prezzo per i trattamenti disumani ed i supplizi subìti dai detenuti nelle carceri”, mentre capogruppo della Lega nella commissione Giustizia alla Camera ritiene che tali provvedimenti siano “un’offesa alle vittime e ai loro familiari e che il governo, con quello che viene considerato un regalo ai detenuti, ha perso ogni rispettabilità”. Secondo Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli D’Italia-Alleanza Nazionale, “i fondi che verranno utilizzati per ricompensare i detenuti potevano essere spesi differentemente”.

Il decreto, che sarà convertito in legge entro 60 giorni, prevede una riduzione della pena del 10%, cioè di un giorno ogni 10 per chi è ancora in carcere, e risarcimenti economici pari a 8 euro al giorno per i detenuti costretti a vivere in uno spazio inferitore a quello previsto dalla Convenzione europea che sono tornati in libertà. Complessivamente i risarcimenti sarebbero stati quantificati in 5 milioni di euro per il 2014, e 10 milioni di euro per il 2015. Tra le novità anche l’aumento dell'età di permanenza negli istituti minorili da 21 anni a 25 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il