BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni, conti deposito, azioni: affrancamento per pagare meno tasse con aliquota 26%. Calcolo, esempi

Aumento della tassazione sulle rendite finanziarie dal 20 al 26%: cosa fare per proteggere i propri investimenti, consigli e affrancamento




Il primo luglio sale la tassa sulle rendite finanziarie dal 20 al 26%: il nuovo aumento riguarderà azioni, Etf, obbligazioni, fondi di investimento, conti correnti, conti deposito, conti postali, mentre non riguarderà Titoli di Stato e fondi pensione. Ma in cosa si straduce praticamente questo aumento della tassa per gli investitori? Per fare un esempio pratico, considerando un investimento di 25 euro in azioni che offre un guadagno del 6% annuo, pari a 1.500 euro, con la nuova aliquota al 26% il prelievo fiscale previsto sarà di 390 euro e non più di 300 come avviene con l’attuale aliquota 20%.

Ma non solo: perché ai 390 euro di tassa bisogna sommare altri 100 euro di imposta di bollo sui conti titoli, al 0,2%. Molti investitori non ci stanno e fra chi decide di vendere i propri titoli e indirizzarli verso, magari titoli di Stato, e chi decide, come si faceva un tempo, di tenere i propri risparmi a casa, altri possono ricorrere al cosiddetto affrancamento, operazione che permette di mantenere fino al 30 giugno l’aliquota sui propri prodotti al 20% e la nuova del 26% dal primo luglio in poi.

L'affrancamento è qualcosa che il risparmiatore può scegliere, ma non in tutti i casi. Se, infatti, sugli interessi dei conti correnti, delle obbligazioni, fondi comuni, gestioni patrimoniali, vige il principio di maturazione, per cui resta l’aliquota al 20% sugli interessi maturati fino a fine mese e il risparmiatore non potrà decidere o scegliere nulla, diverso è il discorso per il capital gain, per cui può valere la scelta dell’affrancamento, pagando le imposte fino al 30 giugno con la vecchia aliquota e dal primo luglio un nuovo valore di partenza dell'investimento. Questa operazione riguarda le plusvalenze e le minusvalenze sul valore di azioni, obbligazioni e strumenti derivati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il