Esodati: nuova legge-emendamento ufficiale approvata in Commissione Lavoro. Per chi, quando e come

Nuove speranze per esodati: Damiano ammette disponibilità da parte del governo ma aspetta di vedere come andrà lunedì prossimo

Esodati: nuova legge-emendamento ufficia


AGGIORNAMENTO: Nessuna legge sarà discussa il 30 Giugno in Parlamento. Tutto rimandato in autunno, tranne, forse alcune emergenze. L'unica cosa decisa è una nuova legge-emendamento sugli esodati. Le ultime notizie e novità in questo articolo

Sono stati giorni concitati questi ultimi sulla questione esodati per cui si è fatto ripetutamente sentire il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, che ha ribadito al governo la necessità e l'urgenza di trovare soluzioni concrete alla questione, senza tralasciare, tra l'altro, i Quota 96, e “senza più alibi”. E a qualche giorno dal 'fatidico' esame in Aula sul testo unico che inizierà lunedì prossimo 30 giugno, Damiano ammette “Il governo mi pare disponibile a fare un passo avanti, non vorrei che il Ministero dell’economia e la Ragioneria mettessero i bastoni tra le ruote”.

Nuove speranze, dunque, per gli esodati, forse, si spera, alla fine di un’emergenza sociale. Dopo aver incontrato il ministro Poletti, Damiano spiega: “La commissione Lavoro ha una proposta, che ha un costo valutato dall’Inps negli anni di 47 miliardi che io credo sia un’esagerazione. In ogni caso dobbiamo fare i conti con i numeri”.

E chiede: “Vorremmo che il governo facesse una sua proposta, fissando il principio che tutti i risparmi, che ci sono stati dalle precedenti cinque salvaguardie, siano utilizzati esclusivamente per fare altre operazioni. Una proposta potrebbe essere di spostare la data dal 6 gennaio 2015 al 6 gennaio 2016, vale a dire coloro che matureranno il diritto alla pensione entro quella nuova data possono usufruire delle regole precedenti alla riforma Fornero”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il