BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: ampliata salvaguardia. Per chi, come e quando nuova legge Governo Renzi-Poletti

Oggi incontro informale tra ministro Poletti e Cesare Damiano per discutere di esodati e risorse finanziarie necessarie: cosa cambierà?




AGGIORNAMENTO: Nessuna legge sarà discussa il 30 Giugno in Parlamento. Tutto rimandato in autunno, tranne, forse alcune emergenze. L'unica cosa decisa è una nuova legge-emendamento sugli esodati. Le ultime notizie e novità in questo articolo

Si attendono novità e ultime notizie oggi, giovedì 26 giugno, su possibili soluzioni esodati ed eventuali interventi sulle pensioni, step importante in vista del prossimo appuntamento di lunedì 30 giugno, quando in Aula sarà discussa la proposta di legge unica sugli esodati. Damiano solo qualche giorno fa aveva detto: “Per quanto riguarda il tema degli esodati aspettiamo una proposta del governo che tenga conto del ddl unitario della commissione lavoro della Camera. Il ministro Poletti ha dimostrato disponibilità a entrare nel merito per fare un ulteriore passo avanti ma non vorremmo ci fossero ostacoli da parte del Mef e della Ragioneria a proposito delle coperture. Non sarebbe comprensibile e sarebbe grave”

L’apertura di Poletti a soluzioni, che siano concrete, per gli esodati emerge anche dall’importanza dell’incontro informale che oggi si terrà tra lui e Damiano. Al centro dell’incontro soprattutto la necessità e la quantità di risorse necessarie a chiudere questa partita. Ma Damiano spiega: “La Commissione Lavoro ha una proposta, che ha un costo valutato dall’Inps negli anni di 47 miliardi che io credo sia un’esagerazione. Vorremmo che il governo facesse una sua proposta, fissando il principio che tutti i risparmi, che ci sono stati dalle precedenti cinque salvaguardie, siano utilizzati esclusivamente per fare altre operazioni”.

Secondo Damiano, “Una proposta potrebbe essere quella di spostare la data dal 6 gennaio 2015 al 6 gennaio 2016, vale a dire coloro che matureranno il diritto alla pensione entro quella nuova data possono usufruire delle regole precedenti alla riforma Fornero, ma non vorrei che il Ministero dell’economia e la Ragioneria mettessero i bastoni tra le ruote”.E conclude: "Il tempo è scaduto. E' giusto che il governo dia finalmente risposte". E si attende di sapere cosa si deciderà al termine dell’incontro di oggi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il