BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: nuove promesse esecutivo ma lunedì discussione legge salta

Slitta la discussione sugli esodati a mercoledì prossimo ma proposta Poletti per nuova salvaguardia accolta con favore




E’ stato un giorno importante quello di ieri per le pensioni, si è tenuto l’incontro tra il ministro Poletti e la Commissione Lavoro sul tema esodati e linee guida da definire eventualmente nei prossimi appuntamenti, e il risultato è stata l’estensione della salvaguardia anche a chi matura il diritto secondo i vecchi requisiti  anche nel 2015. Il ministro Poletti ha, infatti, proposto di “prolungare di un anno le salvaguardie, così come sono oggi previste. Solo che chi maturerà il diritto nell'arco dell'anno prossimo sarà incluso nelle salvaguardie, cosa che finora non era prevista. I nuovi salvaguardati sono 32mila e cento. Delle 32.000 nuove salvaguardie, in particolare, 24.000 rappresentano posizioni già presenti ma per cui non era arrivata domanda. Si tratta  di posizioni recuperate dalla seconda e dalla quarta salvaguardia”.

La proposta di Poletti “per un'ulteriore salvaguardia degli esodati va nella giusta direzione, è un' altro passo avanti” ha commentato Cesare Damiano. “Il totale dei salvaguardati arriva a 170 mila.  La platea quindi si allarga rispetto ai circa 162 mila già previsti dalle cinque precedenti salvaguardie. Il saldo è di circa 8 mila in più, ma le persone fisiche effettivamente tutelate sono 32 mila in più”.

E aggiunge: “Nella legge di stabilità bisognerà trovare la soluzione strutturale”. Ma slitta l'appuntamento di lunedì prossimo per gli esodati e Cesare Damiano ha detto: “Il provvedimento sugli esodati arriva finalmente in aula, a partire da mercoledì. E’ un primo passo per fornire garanzie a tanti lavoratori rimasti senza stipendio e senza pensione, a causa di un meccanismo pensionistico che non li ha tutelati. Chiedono una soluzione per avere ciò che gli spetta: un reddito dopo una vita di lavoro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il