BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatorie di Istituto aggiornamento 2014 insegnanti: novità questa settimana

Chiarimenti compilazione e invio del Modello B per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto: chi deve compilarlo e come fare




Si potrà presentare via dalle 9 del 4 luglio fino alle 14 del 4 agosto, esclusivamente in via telematica, il Modello B destinato all’aggiornamento delle graduatorie di istituto per gli insegnanti. Il Modello B serve per la scelta delle istituzioni scolastiche per le graduatorie di istituto 2014-2016 e la compilazione può avvenire solo tramite l'istanza Polis (Istanze online). Questo modello permette ai docenti di scegliere le istituzioni scolastiche della provincia decisa nel modello A1, A2 o A2 bis per la seconda e terza fascia.

I docenti potranno richiedere al massimo l'iscrizione in 20 istituzioni scolastiche nella stessa provincia, mentre per quanto riguarda la scuola dell'infanzia e primaria, può scegliere 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici. Per conoscere in quali istituti della provincia prescelta è attivato l'insegnamento che il docente sceglie, bisogna consultare i siti internet delle singole scuole o telefonare direttamente in segreteria. Ricordiamo che nella compilazione del Modello B possono essere inserite solo le scuole statali e non quelle paritarie.

Come spiegato dal Miur, le scuole paritarie non si servono delle graduatorie di istituto per il reclutamento del personale. Possono, dunque, procedere alla compilazione e all'invio del Modello B gli aspiranti docenti inclusi nelle graduatorie ad esaurimento che abbiano confermato la loro iscrizione e gli aspiranti docenti che hanno presentato il modello A/1 e/o A/2 o A/2bis ad una istituzione scolastiche entro il termine fissato dello scorso 23 giugno. Per aiutare coloro che incontrassero difficoltà nella procedura, il Miur ha messo a disposizione un numero verde 800 844999 attivo per tutto il periodo utile per la compilazione del modello di domanda.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il