Mutui, prestiti, conti in rosso: calcolo interessi su interessi reintrodotto.Governo Renzi,un errore

Torna l’anatocismo in nuovo decreto competitività del governo Renzi? E scoppia la polemica. Adusbef pronta a nuovi ricorsi

Mutui, prestiti, conti in rosso: calcolo


“La banche ringraziano Renzi per il nuovo regalo: nel decreto legge per il rilancio delle imprese infilano l’anatocismo. Gli italiani pagheranno gli interessi sugli interessi”: così Giorgia Meloni fa sapere la 'novità' che il governo Renzi ha intenzione di attuare. E scoppia la polemica. Si torna, dunque, a pagare gli interessi su mutui e prestiti? Era stato cancellato il cosiddetto anatocismo, capitalizzazione degli interessi su un capitale, perché renda a sua volta altri interessi, ma sembra possa essere reintrodotto.

In passato questo sistema, applicato a chi ha il conto in rosso, ha portato ad una montagna di cause tra consumatori e banche, ma ora è tornato nel decreto legge sulla competitività, appena firmato dal Presidente Napolitano. Secondo quanto riportato dal decreto ‘Disposizioni urgenti per il rilancio e lo sviluppo delle imprese’, rispetto a quanto accadeva prima, il calcolo degli interessi sugli interessi non potrà più avvenire ogni tre mesi, ma solo ogni anno.

E mentre l’Adusbef ha già annunciato un nuovo ricorso, ai timori suscitati ha risposto Francesco Boccia, del Pd. Boccia ha precisati: “Nessuna allarmismo, Matteo Renzi non c’entra. Modificheremo eventuali errori in Parlamento e poi l’anatocismo è stato abolito grazie al Pd e alla mia proposta di legge”.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il