BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Btp, Bot, obbligazioni, fondi di investimento: rendimenti a confronto e cosa scegliere dopo aliquota 26% aumento

Consigli esperti su cosa investire dopo aumento tassazione al 26% e quale portafoglio costruire per buoni rendimenti: cosa scegliere




E’ scattato l’aumento sull’aliquota di tassazione delle rendite finanziarie, passata dal 20 al 26%. Le domande che gli investitori si sono posti e si stanno ponendo riguardano, ovviamente, la convenienza attuale, o meno, di determinati prodotti e quale sia la scelta migliore da fare per mettere al riparo i propri investimenti, ottenendo guadagni ma senza pagare tanto. A queste domande ha cercato di dare risposte un’analisi di CorrierEconomia, ma prima di procedere ad esporne i risultati, vogliamo ricordare che la nuova tassazione al 26% colpisce azioni, obbligazioni, fondi comuni, conti correnti, conti postali, Etf, alcune polizze vita ma non tocca Titoli di Stato e fondi pensione.

Secondo CorrierEconomia, nonostante l'aumento al 26% potrebbero rappresentare oggi una buona opportunità le obbligazioni governative contro emissioni societarie. Sono, infatti, i comparti produttivi quelli che possono competere con i titoli di Stato, emettendo obbligazioni con grado di affidabilità e scadenze molto differenziati tra di loro. Riescono a garantire rendimenti, anche se l’aliquota è più alta.

E vi sono alcune emissioni societarie che, anche se penalizzate dall’aliquota al 26%, offrono lo stesso rendimento netto del Btp di pari durata. Per la scelta del proprio investimento, è vero che il fattore fiscale è importante, ma, secondo CorrierEconomia, non può essere il cardine su cui costruire un portafoglio obbligazionario, perché resta comunque fondamentale suddividere il rischio emittente per l’investitore, anche se significasse incassare rendimenti minori. E , secondo le previsioni, anche a causa della nuova imposizione fiscale, più pesante, diventerà sempre più ‘comune’ la scelta di un portafoglio orientato più verso i fondi comuni, che coprono tutti i settori, piuttosto che suddiviso tra emissioni governative e societarie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il