BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cartelle Equitalia 2014: nuova rateizzazione. Regole, come funziona e come fare domanda fino al 31 Luglio

Domanda entro il 31 luglio per richiedere nuovo piano di pagamento a rate per debiti con Equitalia: come fare e istruzioni




Torna la rateazione per il pagamento delle cartelle Equitalia: approvato un emendamento che prevede che i contribuenti che non hanno pagato secondo i termini previsti le cartelle Equitalia potranno di nuovo ricorrere alla rateizzazione purchè si tratti di cartelle ricevute prima del 22 giugno 2013. Questa nuova possibilità di rateazione è stata estesa anche ai contribuenti decaduti prima dell’entrata in vigore della norma del 2013.

Secondo l’emendamento, ‘i contribuenti, decaduti dal beneficio della rateazione perché non hanno rispettato i termini di pagamento, potranno accedere alle nuove norme, chiedendo al massimo la dilazione in 72 rate’. Chi, dunque, non ha osservato i termini di pagamento per otto rate consecutive, potrà di nuovo accedere alla rateizzazione, ma non potrà più chiedere l’allungamento delle rate e la possibilità di pagare il proprio debito a rate decade se non si pagano due rate consecutive, invece che 8 come di consueto.

Il nuovo piano di rateizzazione può essere di massimo di 72 mesi e non più 120 mesi e l’importo minimo di ogni rata è di 100 euro. Se, poi, per debiti fino a 50 mila euro, si può chiedere la rateizzazione con domanda semplice, per i debiti che superano i 50 mila euro, la domanda per rateazione viene inviata una volta verificata prima la situazione di difficoltà economica. Il termine ultimo per la richiesta di rateazione è il 31 luglio 2014. Le indicazioni per la presentazione della domanda di rateazione,  comprensiva della documentazione necessaria, si può presentare tramite raccomandata a/r o a mano presso uno degli sportelli dell’agente della riscossione competente per territorio o specificati negli atti inviati da Equitalia. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito Equitalia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il