BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cina: entro il 2015accesso alla TV Digitale a tutti i cittadini

Dotare tutti i cittadini di un accesso alla TV Digitale entro il 2015: è questo l’obiettivo del Governo cinese



Dotare tutti i cittadini di un accesso alla  TV Digitale entro il 2015: è  questo l’obiettivo del Governo cinese.

La CINA  conta  oggi 2550 stazioni Radio e TV ed intende crescere ulteriormente.

 

La TV digitale consentirà ai cinesi triplicare le Stazioni di Trasmissione a parità di frequenze assegnate, sfruttare meglio lo spettro radioelettrico disponibile.

La TV Digitale è oggi fruita in Cina attraverso la Cable TV, che contava a fine 2005 circa 4 milioni di famiglie collegate (in modalità Digitale), con una stima di 10 milioni di famiglie collegate entro fine 2006.

 

“La mossa del Governo cinese di rilasciare lo  Standard Nazionale per le Trasmissioni della TV Digitale Terrestre (Standard rilasciato il 30 agosto 2006), e di renderlo vincolante per gli operatori del settore entro 1 agosto 2007, rende chiara la strategia cinese sulla TV Digitale.  La CINA conta oggi 410 milioni di famiglie dotate di TV di cui solo 130 milioni con accesso alla TV via CAVO (analogica), il che fa presagire che la maggioranza delle famiglie che sarà migrata verso la TV Digitale sarà servita attraverso la TV Digitale Terrestre” commenta Ermanno Delia (www.assolaw.com).

 

Dal punto di vista del mercato dell’offerta si registra una  significativa pressione che incombe in particolare sugli operatori di Cable TV  che iniziano a registrare anche la pressione anche degli Operatori di Telecomunicazioni che offrono Servizi interattivi di Video on Demand, Servizi di navigazione ad Internet, ed  e-commerce nello stesso pacchetto d’offerta.

 

“Si stima che il mercato di riferimento valga 120 Miliardi di dollari: è chiaro quindi che nei prossimi 12 mesi i player cinesi (ed internazionali) del settore dovranno giocare tutte le loro carte per assicurarsi un market share significativo” conclude E. Delia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il