BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatorie di istituto: domande e risposte su aggiornamento. Modello B, novità della settimana e non solo

Come compilare Modello B per l'aggiornamento delle graduatorie di istituto 2014 e chiarimenti Miur su eventuali dubbi




E’ possibile compilare il Modello B dallo scorso venerdì per l'aggiornamento delle graduatorie di istituto 2014 per prima, seconda e terza fascia su Istanze On Line, sul sito ww.istruzione.it. Il modello dovrà essere inviato entro le ore 14 del prossimo 4 agosto, va inoltrato esclusivamente in via telematica e bisogna riportarvi la scelta delle istituzioni scolastiche della provincia decisa nel modello A1, A2 o A2 bis per la seconda e terza fascia. I docenti potranno richiedere al massimo l'iscrizione in 20 istituzioni scolastiche nella stessa provincia, e, per quanto riguarda la scuola dell'infanzia e primaria, 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici.

Partita due giorni fa la procedura di invio del Modello B, sono già state registrate diverse difficoltà, dall’impossibilità di accesso istantaneo al sito Istanze On line alle anomalie per l’inserimento delle sedi prescelte, e per questo il Miur ha istituito un numero verde 800.844999 di assistenza che si può contattare dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 fino alle 14 del 4 agosto, termine ultimo di presentazione del Modello. Ricordiamo che non possono essere riportate nel modello B per l'aggiornamento delle graduatorie scuola di prima, seconda e terza fascia, istituzioni situate in provincia di Trento, di Aosta o di Bolzano.

Per procedere alla compilazione e all'invio del modello su Istana Polis On Line bisogna registrarsi, compilare il Modello, verificarne la correttezza e quindi inviarlo. Se si vuole, invece, cambiare la provincia selezionata durante la compilazione del modello B per l'aggiornamento delle graduatorie, si può annullare l'operazione in corso e ricompilare la domanda. Per eventuali chiarimenti basta consultare le Faq su sito del Miur.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il