BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: nuova legge per reati minori possibile nel decreto svuota carceri e risarcimenti del 21 Luglio

Nuove aperture a misure di indulto per colpevoli di piccoli reati e piccolo spaccio: situazione, nuova proposta e attesa per il 21 luglio




Dopo mesi di dibattiti e controversie, tra forze politiche contrarie all’applicazione delle misure di indulto e amnistia per risolvere il problema del sovraffollamento delle nostre carceri, e forse politiche invece che hanno auspicato una loro approvazione, a partire dal presidente della Repubblica Napolitano, dopo le misure presentate nel decreto carceri per arginare l’emergenza carceri e che dovrebbe ricevere il via libera il prossimo 21 luglio, sembra che vi siano nuove aperture ll'indulto e all'amnistia esclusivamente, però, in riferimento ai reati minori

E’ infatti solo per i reati minori che sarebbe in discussione la possibilità di  un indulto, che dovrebbe concretizzarsi secondo le indiscrezioni più recenti (apparse sui principali quotidiani nazionali) entro la scadenza prima indicata del 21 luglio.

Proprio in occasione dell’approvazione del decreto contro il sovraffollamento delle carceri, dovrebbe essere definita e presentata anche la proposta di legge di Ciro Falanga di Forza Italia, che prevede la concessione di indulto e amnistia per coloro i detenuti condannati per effetto della legge Fini Giovanardi.

E così, insieme alle misure di sconto della condanna e risarcimenti economici per i detenuti tornati già in libertà, questa possibilità di indulto circoscritto a determinati piccoli reati, potrebbe contributi ancor di più a ‘liberare’ posti nelle carceri, portando, di conseguenza, ad un miglioramento delle condizioni di vita nelle celle delle strutture italiane, dove, a tutt’oggi, vengono ancora denunciate condizioni di vita talmente degradanti da risultare ormai intollerabile per i carcerati e che risultano decisamente difficili da gestire dal personale di servizio delle carceri stesse. Bisogna, dunque, attendere ancora qualche settimana per capire se la misura sarà effettivamente introdotta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il