BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatorie d'Istituto aggiornamento: modello B nuove domande e risposte con soluzioni del MIUR ai problemi

Compilazione e inoltro Modello B per aggiornamento graduatorie di istituto: cosa fare, istruzioni e chiarimenti Miur da seguire




Il Modello B per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto si può compilare e inviare fino al prossimo 4 agosto. deve essere inviato esclusivamente online attraverso il servizio Istanze On line, e serve ai docenti per stabilire le istituzioni scolastiche in cui fare le supplenze. Nel Modello B possono essere inserite 20 istituzioni scolastiche per i docenti che richiedono l'insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado e 10 istituzioni scolastiche per i docenti che richiedono l'insegnamento per la scuola primaria e dell'infanzia, di cui, al massimo, 2 circoli didattici.

Il Modello B dovrà essere indirizzato alla stessa istituzione scolastica alla quale sono stati presentati i modelli A1 e/o A2 o A/2 bis. Il Miur ha specificato che le istituzioni scolastiche che si possono inserire sono istituti d'istruzione secondaria di primo grado (terzo e quarto carattere uguali a MM); istituzioni educative (terzo e quarto carattere uguali a VC per i convitti e VE per gli educandati); istituti d'istruzione secondaria superiore (terzo e quarto carattere uguali a IS); istituti comprensivi (terzo e quarto carattere uguali a IC); istituti d'istruzione secondaria di secondo grado (terzo e quarto carattere diversi dai precedenti); e i circoli didattici (terzo e quarto carattere uguali a EE). Ma i chiarimenti del Miur non finiscono qui: in risposta ai tanti problemi lamentati, ha comunicato che i dati di recapito vengono comunicati al sistema all'atto della registrazione; ha chiarito che non possono essere espresse le province di Trento, Bolzano e Aosta.

Sulle istituzioni scolastiche che si possono richiedere, il Miur ha precisato che per la scuola dell'infanzia e primaria si possono richiedere al massimo 10 scuole fra circoli e istituti comprensivi, mentre per la scuola secondaria si possono chiedere fino a 20 scuole. Se l'aspirante ha dimenticato di inserire il codice personale, basta entrare nella schermata di entrata di Polis, nel menù Gestione utenza, e scegliere l'opzione Recupero codice personale. Una volta inseriti i dati, bisogna inoltrare l'istanza tramite il tasto Inoltro e compiuta questa operazione verranno automaticamente salvati i dati sul sistema informativo; sarà prodotto un documento PDF, che riproduce il modello compilato dall'aspirante con tutti i dati acquisiti, e salvato in un archivio storico che potrà essere recuperato dall'utente alla sezione ‘Archivio’ che si trova sulla Home Page di Istanze Online; e poi il candidato riceverà una mail contenente il modulo della domanda inserita in formato.pdf.

Una volta inoltrata, la domanda può essere modificata se l'aspirante insegnante vuole modificare gli insegnamenti o le istituzioni scolastiche richieste, e dopo essere entrato nell'istanza può apportare le modifiche desiderate fino ad un nuovo inoltro; o se vuole modificare la provincia di destinazione, deve necessariamente cancellare tutta la domanda e procedere ad inserire i nuovi dati.

Se l'utente in fase di inoltro delle domanda riceve il seguente messaggio di errore ‘utente non abilitato’, per risolverlo deve inserire il Codice Personale. Nel caso in cui fosse stato dimenticato, basta usare la funzionalità di Recupero codice personale presente nella home page del portale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il