BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: quota 96 e riforma pensioni per tutti più facile se passa. Ma ci sono problemi

Emendamento per Quota 96 della scuola importante per insegnanti ma non solo: motivi e conseguenze approvazione oggi




AGGIORNAMENTO: Novità e ultime notizie riguardo l'emendamento di quota 96 oggi per le pensioni della scuola. Problemi di approvazione, data, ma anche di calcolo e liquidazione. Maggior dettagli in questo articolo al seguente link diretto

Pensionandi di Quota 96 ma non solo: a cantar vittoria oggi, giovedì 10 luglio, se viene, come previsto, approvato l’emendamento sui Quota 96 della scuola non saranno solo gli insegnanti che finalmente ad agosto potranno conquistare l’agognata pensione, ma anche tutti i pensionandi e lavoratori che da tempo auspicano cambiamenti all’attuale legge pensionistica della Fornero. Troppo rigidi i requisiti anagrafici e contributivi imposti (66 anni e tre mesi e 42 anni di contributi), troppi gli errori creati, e troppe le falle nate. Bisogna, dunque, iniziare a cambiare le cose, davvero, e le speranze si concentrano nella giornata di oggi.

Tante le possibilità che possono portare all’approvazione di questo nuovo emendamento, a partire dal via libera ricevuto da ministro del Lavoro Poletti e ministro dell’Istruzione Giannini, all’approvazione di qualche giorno fa già della nuova salvaguardia per gli esodati, il che dimostra chiaramente come il governo sia consapevole delle urgenze sociali cui bisogna porre rimedio, alle risorse economiche che servono per mandare in pensione i 4mila insegnanti e che sembra siano state trovate.

Nulla, dunque, dovrebbe bloccare il cammino verso la pensione finale dei Quota 96 della scuola, a meno che la Ragioneria di Stato non si pronunci di nuovo in maniera contraria. E se fosse davvero approvato, questo emendamento aprirebbe la strada a nuovi interventi sulle pensioni e sull’uscita anticipata e flessibile perché dimostrerebbe apertura verso cambiamenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il