BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatorie d'istituto aggiornamento: rischio cancellazione. Due decreti per la scuola da Ministro Giannini

Cambierà il sistema di formazione e reclutamento del personale docente? Ipotesi cancellazione graduatorie di istituto e due nuovi decreti scuola




Mentre è partita la procedura di inoltro del Modello B per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto e che serve ai docenti per scegliere le istituzioni scolastiche in cui inserirsi il prossimo anno scolastico, circolano in questi giorni notizie su eventuali cancellazione delle stesse. In questo modo le supplenze andrebbero ai professori già di ruolo magari negli istituti stessi in cui servono le supplenze. La proposta è arrivata dal Sottosegretario Reggi che proposto che le supplenze brevi vengano ricoperte dai docenti, insieme all’idea di estendere a 36 ore l'orario di servizio per i docenti di ruolo e di rivedere il sistema di formazione e reclutamento, e “l'ipotesi di cancellazione delle Graduatorie d'Istituto”.

Se così fosse si tratterebbe di un duro colpo per i precari che probabilmente rimarrebbero tali per lungo tempo, quanto meno fino a quando non si libereranno posti nella scuola, sicuri, tali da bandire un nuovo concorsone per l’immissione ruolo. Un percorso decisamente non di semplice attuazione e i motivi sono tanti, partendo da quello per cui rivedere il sistema reclutamento a scuola è parecchio complesso, considerando che bisognerebbe rivedere percorsi di abilitazione, Tfa Ordinario e Speciali, modalità si volgimento dei concorsoni.

Alla luce di quanto detto, è molto probabile, dunque, che l’ipotesi di eliminazione delle graduatorie di istituto si riferisca a quelle della terza fascia, dove rientrano i docenti senza abilitazione. Ad insegnare sarebbero dunque solo i docenti abilitati. Sul sistema di reclutamento docenti è intervenuta anche il ministro dell’Istruzione Giannini che, anticipando i due nuovi decreti sulla scuola, ha spiegato come “tra le questioni urgenti c'è la semplificazione del sistema di reclutamento universitario (quello su cui abbiamo fatto la proroga), c'è, per me almeno, 'Quota 96' che è un altro capitolo che risolve un problema e apre un'opportunità per 4mila giovani che possono essere assunti, il tema del miglioramento dell'offerta formativa. E c'è il capitolo Invalsi e altre questioni che riguardano la scuola e che devono essere messe su un binario di maggiore rapidità”.

Un secondo decreto, invece, conterrà le altre questioni, dall’introduzione di una maggiore flessibilità oraria lavorativa a “tutta una grande riflessione su valutazione, miglioramento, premialità degli insegnanti che necessariamente devono avere un tempo più lungo, ma non ci sono date fissate”.    

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il