Pagare a rate con carte di credito senza prestiti personali e finanziamenti 2014: tassi di interesse e costi

Usare le carte revolving per pagare a rate merce acquistata si può, ma occhio a tassi e condizioni: cosa fare e scelte migliori

Pagare a rate con carte di credito senza


Carte di credito revolving da usare per spese improvvise ma solo per piccoli importi altrimenti si rischia di pagare tassi di interesse molto alti: in alternativa a prestiti personali e richieste di finanziamenti, le spese da sostenere si potranno pagare a rate con le carte di credito. Secondo dati riportati da CorrierEconomia, il Taeg, tasso annuo effettivo globale, della carte revolving è calato nell’ultimo anno dal 21,9% al 20,54%.

Il dato è emerso dal confronto tra sei grandi emittenti di questo strumento di pagamento: American Express (Carta Blu), Agos Ducato (Carta Attiva), Findomestic (Carta Aura), Santander Consumer Bank (Carta Revolving), Unicredit (Flexia Classic), Carige (Valea Web). Quest’anno l’indagine considera anche Bnl (Credit), Banca Sella (Vista Inchiaro), Banco Popolare (Extra Plus) e Fineco (Carta Black Style). Ecco la classifica per le dieci emittenti.

Da quanto emerge, la carta più cara è ancora American Express, con Taeg al 23,69%; seguita da Findomestic con il 22,92% e Santander con il 22,07%, mentre la carta revolving più conveniente è quella di Banca Sella con il 14,24%; seguita da quella offerta da Unicredit con il 14,82%, e da Fineco con il 15%. Per fare  qualche esempio di acquisto e pagamento a rate con carte di credito, se per esempio si acquista merce per 1.500 euro e si sceglie di pagare a rate di 100 euro al tasso massimo del 23,69% si rimborseranno 1.725 euro. Occhio, però, a considerare sempre il tasso di rischio più alto rispetto alle carte tradizionali.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il