BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatorie d'istituto aggiornamento: Modello B, problemi risolti. Si può rinviare corretta la richiesta già inoltrata

Problemi compilazione Modello B per aggiornamento graduatorie di istituto e soluzioni indicate da Miur: novità e cosa fare




E' partita il 4 luglio la possibilità di compilazione e inoltre del Modello B per l'aggiornamento delle graduatorie di istituto grazie al quale i docenti hanno la possibilità di scegliere le istituzioni scolastiche per il prossimo anno scolastico. In particolare, il Modello B consente ai docenti di decidere le istituzioni scolastiche della provincia decisa nel modello A1, A2 o A2 bis per la seconda e terza fascia. I docenti potranno richiedere al massimo l'iscrizione in 20 istituzioni scolastiche nella stessa provincia, e, per quanto riguarda la scuola dell'infanzia e primaria, 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici.

Considerando problemi e difficoltà finora incontrate, il Miur ha provveduto a far sapere ‘Si avvisano gli aspiranti che hanno già inoltrato l'istanza per la scelta delle sedi (modello B) delle Graduatorie di Istituto che, qualora avessero riscontrato nella copia pdf ricevuta via mail e presente nell'archivio personale, una delle seguenti anomalie: viene riportata l'inclusione nelle Graduatorie ad Esaurimento, pur non essendo l'aspirante incluso in esse, o il campo Al Dirigente Scolastico risulta bianco; coloro a quali non viene riportata in maniera corretta la selezione della lingua, o nell'intestazione è riportata la dicitura ‘graduatorie di circolo” invece di “graduatorie di circolo e d'istituto’, possono rinviare la domanda, in quanto queste anomalie sono state risolte.

In particolare, come spiega il Miur stesso, ‘Possono riprodurre il pdf accedendo di nuovo all'istanza ed effettuando un nuovo inoltro senza variare il contenuto della stessa. L'azione di inoltro determinerà la produzione di un nuovo pdf che risulterà corretto, in quanto le anomalie citate sono state risolte’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il